Nuoro. Si è costiuito l’uomo barricato in casa minacciando di far esplodere il palazzo dopo una lite

Sonia

Nuoro. Si è costiuito l’uomo barricato in casa minacciando di far esplodere il palazzo dopo una lite

Sonia |
sabato 08 Ottobre 2016 - 18:52
Nuoro. Si è costiuito l’uomo barricato in casa minacciando di far esplodere il palazzo dopo una lite

Questore e agenti durante le trattative con Pietrino Floris (foto S.Novellu)

Necessarie quasi due ore di trattative con la Polizia prima della resa

Dopo una trattativa di quasi due ore con la Polizia e l’avvocato di famiglia Francesco Pirari, intorno alle 17.00 Pietrino Floris si è costituito e ha abbandonato la cantina adibita a cucina rustica all’interno della quale si era barricato. L’uomo è stato portato via all’interno di un furgone messo a disposizione dalla Polizia e condotto in Questura.

Secondo una prima ricostruzione l’uomo, un 57enne originario di Orgosolo, intorno all’ora di pranzo, sembrerebbe in preda ai fumi dell’alcool, avrebbe avuto una lite furibonda per questioni condominiali con la moglie e un figlio, all’interno del proprio appartamento, al secondo piano di un grosso palazzo in via Isitiritta. D’impeto avrebbe preso una pistola, una calibro 7,65 e avrebbe sparato prima un colpo in aria e poi ancora nelle scale dopo aver varcato l’uscio di casa in direzione della cantina. «Faccio esplodere il palazzo, ho qui dell’esplosivo» avrebbe urlato più volte.

Intorno all’una si è rinchiuso dentro lo scantinato minacciando di farsi esplodere utilizzando una bombola di gas, facendo così saltare in aria il palazzo sovrastante.

Nuoro. Barricato cantina dopo una lite, minaccia di far esplodere il palazzo (foto S.Novellu)

L’allarme è scattato immediatamente da parte degli stessi familiari i quali, fuggiti in preda al panico, hanno avvisato le Forze del’Ordine di quanto si stesse compiendo. Sul posto è intervenuta la Polizia, i Carabinieri del Nucleo operativo di Nuoro guidati dal capitano Luigi Mereu, i Vigili del Fuoco la Polizia Municipale e il 118 che hanno blindato la zona. Presente anche il PM di turno

Verso le 14.00 sono stati evacuate le circa sessanta famiglie residenti nello stabile e per sicurezza è stata interrotta l’erogazione della corrente elettrica e del gas cittadino non solo nel palazzo in questione ma anche in tutta la zona circostante.

Intorno alle 16,00 la resa, L’uomo si è consegnato nelle mani del questore di Nuoro, Massimo Colucci, e del capo della Squadra mobile, Paolo Guiso, e ha accettato di uscire alla presenza di un familiare e del suo avvocato Francesco Pirari.

La famiglia Floris è titolare di alcuni appartamenti all’interno del Palazzo in cui è avvenuto l’episodio, essendo già proprietaria del terreno su cui è stato edificato.

L’uomo, che per quanti lo conoscono è sempre apparso come una persona schiva e di poche parole, dopo diversi mestieri avrebbe vissuto di rendita dall’affitto degli appartamenti.

In questo momento si trova in Questura dove gli inquirenti lo stanno interrogando per capire il motivo che lo avrebbero condotto a compiere l’accaduto.

© Tutti i diritti riservati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta