martedì 29 settembre 2020, Aggiornato alle 20:30
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Nuoro. 15enne ricoverato per intossicazione da alcolici: gestore market sanzionato per 333 euro

Nuoro. 15enne ricoverato per intossicazione da alcolici: gestore market sanzionato per 333 euro

Nuoro, l'ingresso al Market LD di piazza Mameli
Nuoro, l'ingresso al Market LD di piazza Mameli

Il minore e un coetaneo avevano acquistato e consumato ben 18 lattine di birra

Tutto nasce dalla denuncia da parte del genitore di un ragazzo nuorese 15enne ricoverato al pronto soccorso dell’ospedale di Nuoro la sera del 29 marzo scorso per intossicazione da alcolici.

Il genitore in questione aveva segnalato alla Questura di Nuoro anche la presenza di un altro minorenne, anch’egli di 15 anni amico del figlio, che ha confermato l’acquisto di ben 18 lattine di birra nel pomeriggio dello stesso giorno e di come i due ragazzi avessero trascorso la giornata, consumando gli alcolici nella piazza antistante il market e l’EX Mercato.

L’illecito amministrativo di vendita di alcolici a minori, ieri è stato contestato al gestore del supermercato LD Market di piazza Mameli a Nuoro, sanzionato con una multa di 333 euro.

La sanzione è direttamente collegata alla condotta negligente del gestore il quale deve domandare documenti all’acquirente in caso di dubbio circa l’età minore, a meno che dice la norma “la maggiore età sia manifesta”.

Gli accertamenti eseguiti dagli uomini delle Volanti dirette dal Commissario Capo Manuela Marafioti fanno parte di un’attività diretta a uno specifico monitoraggio dell’area in questione luogo abituale di ritrovo di giovani. Già nel recente passato, infatti, si erano verificati controlli legati all’assunzione di alcol da parte di minori poi sfociati in liti e schiamazzi.

Tutta la vicenda è stata oggetto di una segnalazione al Sindaco affinché valuti la possibilità di adottare un provvedimento di sospensione temporanea della licenza del supermercato previsto dalla legge 287/1991.

Il Questore Paolo Fassari segnala l’importanza, al di là dei controlli doverosi sul territorio, di una strategia complessiva diretta al mondo giovanile che ha visto la Polizia di Stato impegnata su più fronti in questi mesi, per la diffusione di valori di legalità attraverso iniziative con le scuole del capoluogo contro il bullismo, i potenziali pericoli connessi all’uso della Rete internet, le visite informative delle scolaresche alla Questura, l’educazione stradale per la guida degli scooter.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI