Oliena: Quattro milioni di euro i danni per alluvione

Sonia

Oliena: Quattro milioni di euro i danni per alluvione

venerdì 06 Dicembre 2013 - 17:42
Oliena: Quattro milioni di euro i danni per  alluvione

Oliena, alluvione a Badu e chercu (foto S. Novellu - Cronache Nuoresi)

Oliena, Badu e chercu (foto S. Novellu - Cronache Nuoresi)

Oliena, Badu e chercu (foto S. Novellu – Cronache Nuoresi)

Molte strade ancora interrotte urgente il ripristino verso Dorgali

Ammonterebbero a oltre quattro milioni di euro i danni provocati da Cleopatra nel territorio di Oliena.

Il Comune di Oliena sta predisponendo il censimento dei danni provocati dall’alluvione del 18 novembre scorso. Sono sopratutto i collegamenti stradali quelli particolarmente danneggiati.

«Le schede relative ai danni subito dalla rete viaria e stradale sono già state consegnate al Commissario Straordinario per l’emergenza Giorgio Cicalò» -spiega l’assessore all’Ambiente Valentino Carta .

Allevatori  e agricoltori rischiano il tracollo per i danni subiti stesso discorso per le imprese per il mancato reddito. Alcune strade non sono percorribili e molti imprenditori a oggi non possono arrivare presso la sede delle loro attività.

« Il Comune è in prima fila, a disposizione di tutti quanti hanno necessità di chiedere i risarcimenti: faremo la raccolta di tutte le richieste e le invieremo nei tempi stabiliti al Commissario per l’emergenza e la ricostruzione con la certezza che non stiamo partecipando ad una gara a chi arriva primo ma stiamo operando per ottenere quanto dovuto». dichiara Carta che precisa: «la nostra battaglia, si sposta ora nelle sedi istituzionali centrali, Governo e Regione, perché non si dimentichino degli impegni presi nei giorni del disastro.

Abbiamo memoria e ci ricordiamo non solo che avevano assicurato fondi certi e veloci per la ricostruzione, per l’eliminazione di disagi ed i risarcimenti, ma anche che avrebbero allentato il Patto di Stabilità dei Comuni colpiti per permettere loro di intervenire velocemente per eliminare le emergenze e risolvere le urgenze. Ciò ancora non è avvenuto e come Comune non possiamo dare il supporto che vorremmo ai nostri cittadini.”

@riproduzione riservata

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta