mercoledì 14 novembre 2018, Aggiornato alle 18:07
Home > APPUNTAMENTI > Al via il l Patapum Festival dedicato ai bambini, nel cuore di Nuoro

Al via il l Patapum Festival dedicato ai bambini, nel cuore di Nuoro

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Un momento di presentazione del Patapum Festival

Il 6, il 7 e l’8 settembre arriva il Patapum Festival dedicato ai bambini, che avrà luogo nei luoghi più suggestivi del centro storico di Nuoro .

In occasione del Trentennale di Bocheteatro, la Rassegna Teatro Anch’io si arricchisce di un’anteprima speciale: l’evento dedicato ai più piccoli: per la prima volta ci sarà un vero e proprio Festival-nel-Festival, tra giochi, spettacoli e laboratori per il pubblico delle famiglie e degli spettatori più piccini.

Questa prima edizione la cui direzione artistica è affidata a Monica  Corimbi, risponde alla necessità di attivare una serie di iniziative all’interno del Comune di Nuoro,  con particolare riguardo ai bambini e ragazzi.

Il Progetto intende  dare risposte concrete all’educazione ambientale, alla cittadinanza e alla legalità, promuovendo tutta una serie di azioni tese a sviluppare comportamenti responsabili verso l’ambiente, che coinvolgano principalmente i bambini e i ragazzi e le famiglie tutte, con la collaborazione di più attori esistenti sul territorio: la cooperativa Lariso, Cesp Pratosardo, Lute Nuoro, Unicef, con la collaborazione del Centro di documentazione della Biblioteca ragazzi di Cagliari.

Il 3 settembre alla conferenza stampa di presentazione del Festival sostenuto e patrocinato dal comune di Nuoro, erano presenti Monica Corimbi, responsabile del settore ragazzi di Bocheteatro insieme agli assessori alla Cultura Sebastiano Cocco e al Turismo e Spettacoli Valeria Romagna, al presidente della Cooperativa Lariso Silvio Obinu e al direttore del Cesp Salvatore Sanna.

«L’apertura del Festival Patapùm sarà in piazza Satta con un nostro spettacolo, tutto realizzato da operatori nuoresi, che si sono occupati degli allestimenti e delle musiche, per dimostrare che oltre alle rassegne facciamo anche produzioni», dice Monica Corimbi. «Abbiamo provato a condensare ciò che sappiamo fare meglio, spettacoli per bambini con l’apertura di una rassegna e con il desiderio che il festival si allarghi oltre il centro storico» conclude la registra.

«L’attenzione per Bocheteatro è fondamentale perché il teatro è importante per il processo di crescita e conoscenza», ha affermato l’assessore Romagna.

Per le iscrizioni ai laboratori è possibile compilare un modulo online sul sito: www.bocheteatro.com o contattare la segreteria di Bocheteatro ai numeri: 0784 203060 e 338 7529106

.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento