giovedì 16 agosto 2018, Aggiornato alle 22:17
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Strade del Nuorese in completo abbandono. La Provinciale 25, trafficata, piena di buche e pericolosissima

Strade del Nuorese in completo abbandono. La Provinciale 25, trafficata, piena di buche e pericolosissima

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Le condizioni nella quale versa la 25
Le condizioni nella quale versa la 25

 

C’è un pericolo enorme e costante nel cuore del territorio Baroniense: la Provinciale 25 che collega Orosei, Loculi, Onifai e Galtellì con la Statale 131 al bivio di Lula.

Un dettaglio della 25

La pessima qualità del manto stradale, la frequente assenza di segnaletica orrizzontale e verticale, la mancanza  di guard rail per lunghi tratti, dossi e rialzi, la rendono pericolosissima per le vetture ma soprattutto per la stessa incolumità degli automobilisti. Un collegamento viario tra  i più importanti del territorio, praticamente abbandonato a se stesso, privo di manutenzioni e controlli.

La denuncia «sulle precarie condizioni di questa arteria di elevata importanza per la vita e l’economia della zona, trafficata da pendolari e turisti», arriva dal movimento Libe.r.u. sezione Paskedda Zau di Nuoro

Un dettaglio della 25

Un dettaglio della 25

«Nel mentre si aspetta all’infinito l’inizio dei lavori per metterla in sicurezza, come annunciato nel 2013 con 130 mila euro, nel 2015 con 200 mila euro come anche nel 2017: si aspetta, sperando che non ci scappi l’ennesimo morto come spesso succede quando le strade sono abbandonate all’incuria. proseguono gli attivisti del movimeto
Ci chiediamo con quale faccia questa giunta abbia potuto ospitare il G7 dei trasporti in Sardegna, dove la viabilità è spesso quasi da terzo mondo, dove ci manca poco che si debba viaggiare a cavallo. Libe.r.u. denuncia il sottosviluppo e l’isolamento con la quale la Giunta Regionale ha gestito e gestisce la provincia di Nuoro, ultimo posto nello Stato italiano per quanto riguarda le infrastrutture, ultima anche nella spesa relativa alla manutenzione delle strade (1.000 euro a chilometro, a fronte di una media italiana di 6.000). Chiediamo con forza l’immediata messa in sicurezza della strada e la sua ordinaria manutenzione, specialmente in previsione della stagione turistica, la quale aumenterà notevolmente il flusso dei veicoli con i conseguenti rischi».

So.Meloni © Tutti i diritti riservati

Lascia un commento