Home > L'ANGOLO DELLA FOTOGRAFIA > In mostra la Sardegna degli anni ’50 e ’70 negli scatti dei grandi fotografi Magnum

In mostra la Sardegna degli anni ’50 e ’70 negli scatti dei grandi fotografi Magnum

W.Bischof, ragazza a Funtana a mare, 1950 © Magnum Photos
W.Bischof, ragazza a Funtana a mare, 1950 © Magnum Photos

 

Settanta stampe in bianco e nero di grande formato, ottenute direttamente dai negativi originali, che restituiscono un’immagine nitida della Sardegna tra il 1950 e i primi anni ’70.

Si tratta degli scatti dei reporter della Magnum Photos, una delle prime e più importanti agenzie fotografiche a livello internazionale, nata da un’idea di Robert Capa nel 1947 per tutelare il concetto, all’epoca ancora in embrione, al diritto d’autore per le immagini fotografiche.

I grandi reporter della Magnum in Sardegna, questo il titolo dell’esposizione allestita al Palazzo di Città di Cagliari in piazza Palazzo, inserita nell’ambito del festival “Cagliari Paesaggio” e curata dai Musei Civici di Cagliari e della Casa editrice Ilisso di Nuoro che a breve renderà disponibile il relativo catalogo.

Una delle sale della mostra “I grandi reporter della Magnum in Sardegna”

Una delle sale della mostra “I grandi reporter della Magnum in Sardegna”

Tra le immagini in mostra, alcune possono essere considerate delle icone assolute della fotografia, su tutte il cane immortalato nel 1950 a Iglesias da Werner Bischof mentre guarda imperturbabile l’obiettivo, sull’uscio di casa con un fondale di arredi e suppellettili tipici dell’epoca.

Molte le tematiche affrontate dagli autori presenti in mostra (oltre a Bischof, il mitico Henri Cartier-Bresson, David Seymour, Bruno Barbey, Ferdinando Scianna e Leonard Freed): i mercati, il lavoro minorile, le bonifiche agricole e la costruzione degli invasi e delle nuove zone residenziali nell’Iglesiente, le benzinaie in abiti tradizionali di Desulo, i barracelli, gli attimi di relax nei bar di Orgosolo, le donne di Oliena, le feste popolari – come quella di Sant’efisio documentata da Seymour (meglio noto come Chim) del 1954.

I reporter della Magnum giunsero in Sardegna nell’immediato Dopoguerra e colsero nell’immediatezza dello stile del grande fotogiornalismo internazionale il processo di cambiamento che l’isola stava rapidamente completando in quegli anni, un cambiamento che per quanto impetuoso e senza possibilità di appello, procedeva su binari a diversa velocità nelle zone più periferiche e in quelle più interne, queste ultime ancora ben ancorate a usi e costumi retaggio di una cultura millenaria di più difficile eradicazione.

Invito alla mostra “I grandi reporter della Magnum in Sardegna”

Fa da naturale complemento alle immagini statiche la proiezione, in una sala apposita che segna la fine del percorso espositivo, di un documentario coevo che ha in oggetto il paesaggio locale analizzato in tutti i suoi ambiti più pregnanti dal regista sassarese Fiorenzo Serra.

La mostra sarà inaugurata domani pomeriggio alle ore 19,00 e sarà visitabile fino al prossimo 26 novembre.

S.Novellu  © Tutti i diritti riservati

 

Lascia un commento

*