A due giorni dalla tragedia di Ischia Bitti ricorda quella che la colpì nel 2020

Sonia

A due giorni dalla tragedia di Ischia Bitti ricorda quella che la colpì nel 2020

lunedì 28 Novembre 2022 - 12:45
A due giorni dalla tragedia di Ischia Bitti ricorda quella che la colpì nel 2020

Bitti, la distruzione il giorno dopo l’alluvione (foto S.Novellu)

Otto morti tra i quali un neonato e due bimbi, dispersi e feriti questo è il bilancio della tragedia avvenuta due giorni a Ischia quando sabato mattina  ll fango che ha devastato una zona di Casamicciola Terme (APPROFONDISCI). 

Una tragedia che non è dissimile da quella avvenuta a Bitti due anni fa quando una bomba d’acqua si abbatté sul paese barbaricino provocando la frana di  fango che in un’istante fece 3 vittime.

L’allevatore Giuseppe Mannu, 55 anni, sprofondato in una voragine col suo fuoristrada mentre era in campagna ad accudire il suo bestiame; Giuseppe Mannu, 90 anni, annegato nella sua casa, e Lia Orunesu, di 89, spazzata via dalla furia dell’acqua a due passi dalla sua abitazione, vicino a piazza Asproni.

Il paese, già colpito dal Ciclone Cleopatra nel 2013 quando un pastore disperso non fu mai ritrovato, era ufficialmente un paese distrutto:  strade del centro abitato cancellate, le cantine allagate, le auto trascinate dall’acqua e inghiottite dalle frane, le case di campagna all’uscita del paese verso Onanì non c’erano più e con loro sono state spazzate via strade rurali e ponti, gli impianti idrici ed elettrici saltati.

Questa domenica  alle  15, nella piazzetta de S’Antzelu a Bitti, le Associazioni culturali, sportive e di volontariato, hanno ricordato  i giorni dell’alluvione del 28 novembre 2020.

La manifestazione, con il significativo titolo “SA VITA M’AGRADAT SEMPER”, si è posta  l’obiettivo di valorizzare l’importanza della memoria, così da rinforzare l’identità di una comunità che due anni fa è stata colpita da un evento naturale disastroso.

Sostieni l'informazione libera e indipendente di Cronache Nuoresi

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta