Ospedale San Francesco. Paolo Cannas: “per i pazienti nuoresi cure garantite grazie alla rete sanitaria regionale”

Sonia

Ospedale San Francesco. Paolo Cannas: “per i pazienti nuoresi cure garantite grazie alla rete sanitaria regionale”

sabato 06 Agosto 2022 - 18:10
Ospedale San Francesco. Paolo Cannas: “per i pazienti nuoresi cure garantite grazie alla rete sanitaria regionale”

Nuoro. L'ospedale San Francesco (foto S.Novellu)

Nonostante l’ospedale San Francesco di Nuoro non stia attraversando un periodo storicamente positivo con la chiusura di tre reparti, l’ultimo in ordine di tempo quello di Urologia dopo Ortopedia e Chirurgia, il direttore dell’ASl numero 3 Paolo Cannas rassicura che: «i cittadini del Nuorese (e non solo, visto il bacino d’utenza dell’ospedale di Nuoro) sono tutelati e stiano tranquilli, perché Nuoro è inserita in una rete regionale sanitaria che sta garantendo la regolare presa in carico dei pazienti».  

Poi Cannas precisa tutti i provvedimenti che si stanno attuando per tutelare la gestione dei pazienti di questi reparti:

«Per quanto riguarda la gestione dei pazienti ortopedici, si comunica che lunedì 1 agosto si è svolto un incontro tra i responsabili delle ortopedie regionali coordinati dall’assessorato con l’obiettivo di disegnare la Rete Traumatologico-Ortopedica Regionale. Mercoledì 3 agosto, si è svolto l’incontro tra tutti i Direttori Generali delle Aziende socio-sanitarie e ospedaliero universitarie della Sardegna, inclusa l’AREUS, sotto l’egida dell’Assessorato regionale alla Sanità, per disegnare la Rete della presa in carico dei pazienti in emergenza-urgenza nel periodo estivo. In quest’occasione è stata presa in particolare considerazione la situazione dell’Ospedale San Francesco di Nuoro. La rete regionale garantisce che i pazienti che accedono al Pronto Soccorso di Nuoro hanno l’assoluta copertura dal punto di vista sanitario».

«Il Pronto Soccorso sta funzionando regolarmente e con ottimi risultati – dichiara il Direttore Generale dell’ASL n. 3 Paolo Cannas – Spesso vado a fare sopralluoghi e lo sto trovando sempre in ordine e senza particolari criticità».

«Si sta, inoltre, garantendo il trattamento delle patologie tempo-dipendenti, con ottime performance sugli infarti, con trattamenti anche in emodinamica, sulla radiologia interventistica e angiologia nonché – in ambito neurologico – sullo stroke. Questo vale anche per i pazienti che necessitano di interventi chirurgici con patologie tempo dipendenti».

« Utilizzando le RAR (Risorse Aggiuntive Regionali) alcuni professionisti da altre aziende stanno dando un grande contributo» conclude Cannas.

Sostieni l'informazione libera e indipendente di Cronache Nuoresi

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta