Un percorso romanico nell’Oristanese: San Gregorio a Solarussa

Franceschino Nieddu

Un percorso romanico nell’Oristanese: San Gregorio a Solarussa

venerdì 05 Agosto 2022 - 11:14
Un percorso romanico nell’Oristanese: San Gregorio a Solarussa

Chiesa di San Gregorio a Solarussa (foto F.Nieddu)

Nel medioevo, una parte dell’attuale provincia di Oristano faceva parte nel giudicato di Arborea. C’era anche una suddivisione ecclesiastica in tre diocesi con le rispettive cattedrali Santa Maria a Oristano, San Pietro a Terralba e Santa Giusta a Santa Giusta. Quest’ultima che si colloca al centro di questo percorso viene considerato il monumento più  importante nel panorama del percorso romanico non solo in Sardegna ma anche in Italia.

Oltre agli edifici già citati troviamo sempre nell’Oristanese, una serie di chiese più piccole, con una propria storia e una propria importanza, che vale la pena di visitare, come San Paolo a Milis, Santa Sofia a San Vero Milis, San Gregorio a Solarussa; così come le chiese della Marmilla: San Leonardo a Masullas e Santa Reparata a Usellus.

Anche se non rientrano nell’itinerario romanico, ma non si possono dimenticare e meritano una visita anche la basilica di N.S. del Rimedio, alle porte di Oristano, che è tra le basiliche importanti della  Sardegna come quella di Bonaria a Cagliari e di Saccargia nel Sassarese.

F.Nieddu

Sostieni l'informazione libera e indipendente di Cronache Nuoresi

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta