Lapia a Solinas: “Ci aggiorni come vuole spendere i 270 milioni di euro per la Sanità”

Nuovo

Lapia a Solinas: “Ci aggiorni come vuole spendere i 270 milioni di euro per la Sanità”

sabato 15 Gennaio 2022 - 14:45
Lapia a Solinas: “Ci aggiorni come vuole spendere i 270 milioni di euro per la Sanità”

Il deputato Mara Lapia

La parlamentare del Gruppo Misto alla Camera chiede pubblicamente al presidente della Regione Sardegna di creare una sezione nel sito istituzionale, per informare i  cittadini in maniera semplice e trasparente progetto per progetto, zona per zona, struttura per struttura, su come distribuisce i 270 milioni di euro.

«Non basta diffondere un comunicato in cui si dichiara: “Pronti a investire le risorse per le cure e l’assistenza dei sardi”, come si è limitato a dichiarare il Presidente Solinas – ha affermato la deputata Mara Lapia- è necessario che i cittadini sappiano con certezza e nel dettaglio come verranno spesi questi soldi».

La proposta della parlamentare sarda farà discutere ma rappresenta uno strumento di trasparenza, un modo per tenere sempre aggiornati i cittadini, consentire ai tecnici e alle forze politiche a tutti i livelli, di intervenire con proposte per eventuali correzioni.

«Mi rendo conto, perché me ne occupo sul campo e non solo tra i banchi del Parlamento, che occuparsi di Sanità non è semplice. Proprio per questo e perché parliamo di finanziamenti particolarmente consistenti, tenere informati i cittadini è un dovere, la trasparenza dovrebbe sempre essere la prima regola per chi è chiamato a gestire i soldi pubblici. Non dimentichiamoci ciò che è successo con i progetti del Pnrr che la Regione non ci hai mai fatto conoscere e infatti si sono visti i risultati in termini di perdita dei finanziamenti. Questi sono soldi pubblici, cioè di tutti i cittadini – ha concluso la deputata Lapia – far sapere loro come si useranno è il minimo, è uno strumento utile anche per la Giunta, per evitare di essere accusata di non essere capace di gestire il denaro pubblico o peggio di pensare alle poltrone o di voler far sparire alcuni importanti ospedali».

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta