Samassi. Durante gli scavi per la rete del gas riemerge una tomba preistorica intatta

Nuovo

Samassi. Durante gli scavi per la rete del gas riemerge una tomba preistorica intatta

martedì 01 Giugno 2021 - 10:01
Samassi. Durante gli scavi per la rete del gas riemerge una tomba preistorica intatta

La tomba preistorica rinvenuta a Samassi

Durante i lavori per la messa in opera della rete di distribuzione del gas metano in via Fulgheri, a Samassi, è stata rinvenuta una sepoltura collettiva preistorica riconducibile a una fase di passaggio tra l’Età del Rame e il Bronzo Antico, nei primi secoli del II millennio a.C. A darne da notizia la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Cagliari

All’interno di una fossa di forma grossomodo circolare erano conservati i resti di numerosi individui accompagnati da vasellame utilizzato nel corso dei riti funerari e da elementi di corredo personale, tra cui oggetti d’ornamento (vaghi e pendenti in osso, in conchiglia e denti), armi (una punta di freccia, due pugnali in bronzo, tre brassard, elementi litici utilizzati per proteggere il braccio che reggeva l’arco) e strumenti vari (schegge di ossidiana, punteruoli in metallo).

Reperti rinvenuti nella tomba preistorica rinvenuta a Samassi

Reperti rinvenuti nella tomba preistorica rinvenuta a Samassi

La scoperta è stata effettuata dagli archeologi incaricati della sorveglianza dei lavori in corso d’opera, prescritta dalla Soprintendenza dal momento che l’area, in prossimità della chiesa di San Geminiano, era stata già in passato oggetto di rinvenimenti, sebbene di epoca differente, e risultava pertanto a rischio di ulteriori ritrovamenti fortuiti.

Resti umani nella tomba preistorica rinvenuta a Samassi

Resti umani nella tomba preistorica rinvenuta a Samassi

Il completamento delle indagini archeologiche, dirette dalla Soprintendenza, è stato reso possibile grazie a un finanziamento dell’Amministrazione comunale di Samassi, con cui è in progetto una collaborazione per il restauro dei reperti e lo studio della sepoltura finalizzati non solo alla divulgazione del ritrovamento, ma anche a un’eventuale futura esposizione dei materiali che componevano il corredo, nell’ottica di una più ampia valorizzazione del patrimonio archeologico di tutto il comprensorio territoriale.

“Ora gli scavi si sono conclusi – spiega il sindaco Enrico Pusceddu – gli studiosi presentano i primi risultati delle ricerche e ci si prepara per l’esame dettagliato dei resti ed il restauro del materiale rinvenuto con l’obiettivo dichiarato di consentire alla nostra Comunità di conservare ed esporre a Samassi tracce così importanti della sua storia millenaria”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta