Matrimoni rinviati ancora per Covid: 17mila lavoratori sardi disperati

Nuovo

Matrimoni rinviati ancora per Covid: 17mila lavoratori sardi disperati

lunedì 26 Aprile 2021 - 14:55
Matrimoni rinviati ancora per Covid: 17mila lavoratori sardi disperati

Cagliari, manifestazione per il wedding

I futuri sposi non possono celebrare il loro matrimonio come lo hanno sempre immaginato. Magari in una location da sogno, con un bel banchetto e un’orchestrina.

E alcuni di essi proprio, in questi giorni hanno dovuto rimandare per la quinta volta la data del sì. Non è solo una questione di cuore: diciassettemila addetti in Sardegna del comparto wedding, dai fotografi ai ristoratori, sono fermi a causa del Covid. E chiedono sostanzialmente due cose: una data di ripartenza e ristori. Hanno ribadito le loro ragioni questa mattina in una manifestazione sotto il Consiglio regionale, a Cagliari.

E hanno pacificamente sventolato rose bianche e rosse. E con rabbia hanno urlato: “Basta, ora vogliamo lavorare”.

«Tranne due mesi estivi – ha detto Yvonne Concu, capo delegazione delle associazioni che hanno promosso la mobilitazione – siamo fermi da quattordici mesi. Sono coinvolte circa trenta tipologie di lavoratori. Le spose sono disperate e noi non incassiamo».

Un modo per ripartire ci sarebbe. «Il nostro protocollo di ripresa è stato già presentato – ha spiegato Marzia Cilloccu di Villa Vivaldi – noi lavoriamo su prenotazione: il tracciamento e il rispetto delle norme di sicurezza sarebbe ultra garantito. Si potrebbe ripartire tranquillamente».

La manifestazioni si è svolta contemporaneamente nelle principiali città italiane. A Cagliari le proteste – sempre pacifiche e rispettose delle norme anti Covid – si sono svolte anche in piazza del Carmine e sotto la Regione in viale Trento. E si va avanti a oltranza. O almeno sino a quando non ci saranno risposte certe.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta