Alessando Solinas (M5S): “A Oristano Solinas fa festa mentre i sindaci gridano aiuto”

Sonia

Alessando Solinas (M5S): “A Oristano Solinas fa festa mentre i sindaci gridano aiuto”

sabato 17 Aprile 2021 - 17:57
Alessando Solinas (M5S): “A Oristano Solinas fa festa mentre i sindaci gridano aiuto”

Il consigliere regionale Alessandro Solinas

 

«Da una parte la manifestazione di protesta dei sindaci del distretto sanitario Solarussa, Zerfaliu, Simaxis e Ollastra, in cui la campagna vaccinale non è mai iniziata e i servizi sanitari di base si fanno attendere, dall’altra i festeggiamenti per il centenario della fondazione del Partito Sardo d’Azione. Si presenta così oggi la cronaca in Provincia di Oristano, suddivisa in due zone ben distinte, la prima, dove è in corso la cerimonia per la ricorrenza del Psd’Az, tenutasi nel Palazzo degli Scolopi di Oristano alla presenza del Presidente della Regione Christian Solinas, e l’altra in cui risuona il grido di aiuto degli amministratori locali che non sanno più a chi rivolgersi per ottenere i servizi sanitari di base. In breve: da una parte i rappresentanti della Regione, dall’altra i comuni cittadini, i cui problemi appaiono sempre più distanti da quelli del Palazzo e del potere».

 Questo l’intervento del consigliere regionale del m5s Alessandro Solinas, che, dopo la presentazione di diversi atti consiliari per chiedere al Governatore e all’assessore alla Sanità il potenziamento dei servizi nell’Oristanese, osserva: «Quanto sta accadendo è l’ennesima dimostrazione del grande divario tra le problematiche denunciate dai cittadini e la macchina amministrativa regionale, concentrata a distribuire incarichi e a celebrare ricorrenze».  

«I sindaci di Zerfaliu e Solarussa non hanno ancora ricevuto alcuna comunicazione in merito all’inizio della campagna vaccinale. Gli anziani over 80 di questi paesi sono stati dimenticati dalla Regione. Stiamo toccando con mano ormai in ogni ambito il prezzo delle disparità legate al ceto sociale e all’appartenenza a categorie cosiddette ‘forti’. Basti pensare a quanto accaduto negli ospedali oristanesi, dove i ‘potenti’ hanno già ricevuto le dosi di vaccino, sorpassando le persone anziane e fragili, diventate vergognosamente le ultime della lista. E tutto questo è accaduto senza alcun controllo da parte della Regione. Una Regione assente, distante, che oggi fa festa, mentre i cittadini scendono in piazza per denunciare le condizioni drammatiche in cui versa la Sanità».

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta