lunedì 18 gennaio 2021, Aggiornato alle 20:52
Home > CRONACA > Torna genitore1 e genitore2 sui documenti: via la modifica “padre” e “madre” voluta da Salvini

Torna genitore1 e genitore2 sui documenti: via la modifica “padre” e “madre” voluta da Salvini

 

Si torna alla dicitura “genitore 1” e “genitore 2” sulla carta di identità dei minori under14 e anche sui moduli per l’iscrizione scolastica: a comunicarlo, durante il question time alla Camera, è stata il ministro degli Interni Luciana Lamorgese che in questo modo archivia i termini ‘padre’ e ‘madre’ recuperati da Matteo Salvini quando il Viminale era sotto la sua guida. Molte le proteste che si erano sollevate allora da parte delle famiglie ‘arcobaleno’ e obiezioni erano venute anche dal Garante della Privacy.

«È prevista la reintroduzione della dicitura “genitore 1” e “genitore 2” – ha detto Lamorgese – per garantire conformità al quadro normativo introdotto dal regolamento Ue in materia di trattamento dei dati personali e per superare le problematiche applicative segnalate dal Garante della privacy» sul decreto del 2019.

«Il nuovo schema di decreto ha già ottenuto il concerto dei ministri di Economia e della pubblica amministrazione ed è in attesa del parere del Garante, a seguito del quale sarà sottoposto alla Conferenza Stato-Città – ha aggiunto Lamorgese. Il garante della privacy ha rilevato che la dicitura padre e madre nella carta d’identità digitale – ha spiegato la ministra – ha comportato forti criticità, dal punto di vista della protezione dei dati e della tutela dei minori, nei casi in cui i soggetti che esercitano la responsabilità genitoriale non siano riconducibili alla figura materna o paterna».

In pratica con le diciture “padre” e “madre” si tagliava fuori la genitorialità delle coppie omosessuali, creando discriminazione. «Con tutti i problemi che ci sono in Italia, al governo si preoccupano di cancellare queste diciture. Prima vanno a casa, meglio è», ha commentato il leader della Lega Matteo Salvini che ha già visto mettere in soffitta – sotto la “nuova” gestione del Viminale – anche i suoi decreti sicurezza.

«In questo anno in cui sono triplicati gli sbarchi clandestini e la criminalità organizzata sta lucrando sulle difficoltà economiche degli italiani causati da una crisi economica senza precedenti, la preoccupazione più grande del governo – ha detto in polemica Giovanni Donzelli, deputato di FdI intervenendo al question time – è quella di togliere dalle carte d’identità la dicitura padre e madre, sostituendola con i tristemente famosi genitore 1 e genitore 2. Siamo basiti da quelle che sono le priorità di questa maggioranza che dimostra ancora una volta di ignorare i bisogni reali dell’Italia e degli italiani».

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI