ISRE. “Nei nostri panni”: dieci tavole da colorare

Nuovo

ISRE. “Nei nostri panni”: dieci tavole da colorare

sabato 11 Aprile 2020 - 19:58
ISRE. “Nei nostri panni”: dieci tavole da colorare

Per alleviare le pressioni di questo periodo di quarantena l’ISRE – l’Istituto Superiore Regionale Etnografico – ha deciso di mettere a disposizione del suo pubblico, in modo totalmente gratuito, numerosi servizi.

Tra le iniziative di solidarietà digitale ce n’è una, diffusa attraverso i social network: si chiama “Nei nostri panni” e ripropone un gioco che ha avuto particolare successo nel corso di alcuni laboratori tematici dell’ISRE, tra il 2008 e il 2010, coinvolgendo oltre seicento bambini e un centinaio di adulti.

«Abbiamo scelto alcuni capi di abbigliamento e accessori del vestiario tradizionale rielaborati in tavole liberamente scaricabili e stampabili – spiega il commissario ISRE Stefania Masala – per fare in modo che mentre si gioca e colora si osservino linee, dettagli e accostamenti cromatici che fanno di ogni capo d’abbigliamento tradizionale un pezzo unico, elemento distintivo delle nostre comunità».

I disegni sono divisi per metà: da un lato sono presenti i colori, come da originale, dall’altro sono in bianco e nero, e dunque si possono colorare. SCARICA GLI ALLEGATI: ISRE 01, ISRE 02, ISRE 03, ISRE 04, ISRE 05.

Il gioco ha anche un intento didattico, dal momento che può essere utile per conoscere in modo ludico alcuni aspetti dell’identità sarda; è pertanto consigliato ai bambini e suggerito ai loro insegnanti, che in questo periodo di quarantena in cui la scuola si fa a distanza, potrebbero approfondire il tema dell’abbigliamento tradizionale in modo curioso e divertente.

Con questa iniziativa l’ISRE offre una nuova proposta gratuita, che si somma alle numerose altre messe in campo in questi giorni, attingendo al cospicuo serbatoio di contenuti sviluppati dall’Etnografico in quasi cinquant’anni. In questo periodo l’Ente sta infatti mettendo a disposizione, attraverso il suo sito Internet e le piattaforme social, molti altri suoi tesori: manoscritti (Cosima di Grazia Deledda, per esempio), materiale audiovisuale, gallerie fotografiche. Si è rivelata un grande successo l’iniziativa di rendere gratuiti per il mese di aprile tutti i film presenti sulla piattaforma Vimeo ISRECINEMA On demand, (codice promo ISRE2020). Sono già oltre 55mila le visualizzazioni della piattaforma e migliaia le visioni dei film già fruite dal pubblico. Sono doni che l’ISRE sta mettendo a disposizione di tutti coloro che, costretti a stare in casa, potranno rompere l’isolamento e mettere a frutto questo tempo sospeso attraverso l’approfondimento, lo studio e la cultura della nostra identità. Che poi è il motivo per cui l’ISRE è nato, il 5 luglio del 1972.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta