martedì 26 gennaio 2021, Aggiornato alle 19:12
Home > CRONACA > Motorizzazione Civile. Salta il consiglio comunale: manca il numero legale

Motorizzazione Civile. Salta il consiglio comunale: manca il numero legale

La seduta odierna sulla Motorizzazione Civile (F. f. Becchere)
La seduta odierna sulla Motorizzazione Civile (F. f. Becchere)

 

Alle 9 e 30 il  secondo appello e prima convocazione del Consiglio comunale: le sorti della motorizzazione dovevano essere al centro di un dibattito che non ha avuto luogo.
Gli animi si scaldano: la Maggioranza, dopo l’appello, non raggiunge il numero legale. La Minoranza, invece,  non partecipa al consiglio e viene accusata di aver firmato il documento per la convocazione del consiglio comunale, senza prendervi parte.
Michele Siotto si rivolge a Mara Sanna: «avete firmato un documento e fate mancare il numero, è un atteggiamento incoerente nei confronti di un argomento che sta a cuore di tutta la città».
La replica della consigliera Sanna non si fa attendere: non dobbiamo assicurare noi il numero legale ad una Maggioranza che convoca un consiglio ma non ne garantisce lo svolgimento. Quando ci sono variazioni di bilancio voi  garantite il numero, ma quando si tratta di argomenti che riguardano la città non avete la stessa premura». Della stessa opinione il consigliere Peppe Montesu, che rimarca lo stesso concetto: «il problema della motorizzazione è un problema di tutti, al quale non restiamo indifferenti, ma la stessa  Maggioranza non ha oggi il numero legale, questo è un dato di fatto».

«Piena e totale solidarietà ai dipendenti della Motorizzazione Civile di Nuoro – ha dichiarato Paolo Fadda – che purtroppo rischia la chiusura, ma oggi  avete dimostrato ancora una volta di non avere il numero legale per affrontare con la serietà che merita gli argomenti che stanno a cuore alla nostra città».

La replica del vicesindaco Sebastian Cocco è lapidaria: «l’Opposizione ha mostrato tutto il suo attaccamento – pari a zero – ai problemi reali della città con giochini tipici della vecchia politica».
Presente al consiglio, aperto alla Cittadinanza Peppino Deplano, imprenditore del comparto dei trasporti : «In tutte le 4 province storiche mancano 50 unità, ma l’anello debole è Nuoro, la Motorizzazione – ha dichiarato con amarezza – rischia davvero di chiudere». In questo momento si sta svolgendo la Conferenza dei capigruppo e sarà comunicata in queste ore la data della seconda convocazione».

F. B.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI