mercoledì 16 ottobre 2019, Aggiornato alle 23:09
Home > APPUNTAMENTI > Al via il 2° Memorial “Roberto Dore”: alla Solitudine il 14, 15, 21 e 22 settembre

Al via il 2° Memorial “Roberto Dore”: alla Solitudine il 14, 15, 21 e 22 settembre

Roberto Dore
Roberto Dore

 

È stata presentata stamane presso la sala delle rappresentanze del Comune di Nuoro, la seconda edizione del Memorial “Roberto Dore”, torneo di calcio giovanile organizzato dalla Polisportiva Puri e Forti (di cui Roberto era tesserato) che si terrà presso gli impianti de “La Solitudine” nelle giornate del 14, 15, 21 e 22 settembre.

Oltre 40 le compagini invitate e provenienti da tutta la Sardegna, il meglio del calcio giovanile regionale per una manifestazione che coinvolgerà ben 4 categorie: allievi e giovanissimi nel primo fine settimana, esordienti e pulcini nel secondo.

Alla conferenza stampa erano presenti il sindaco di Nuoro Andrea Soddu, il presidente provinciale del CONI Sandro Floris, la società Puri e Forti rappresentata da Giacomo Dore, padre di Roberto e tecnico del settore giovanile, Dal presidente Raffaele Lai, il direttore sportivo Franco Capello e una rappresentanza della squadra esordienti del sodalizio nato 55 anni fa presso l’oratorio delle Grazie.

La conferenza stampa del secondo Memorial Roberto Dore

La conferenza stampa del secondo Memorial Roberto Dore

Per il Sindaco «Roberto nella sua breve esistenza ha lasciato un insegnamento importante, quello di godere delle cose che la vita ci offre, lottando con coraggio per difenderle. Le persone nel loro passaggio terreno lasciano un’impronta e quella di Roberto la vediamo nell’organizzazione di questo importante evento che abbiamo voluto che fosse inserito nelle celebrazioni del Redentore».

Dello stesso tenore le dichiarazioni di Sandro Floris: «Roberto è un esempio soprattutto per i suoi compagni, un invito a godere delle cose che la vita ci offre. Ringrazio la Puri e Forti per l’impegno nell’organizzare il torneo e per il loro lavoro al fianco dei ragazzi, una società storica della nostra città che ha saputo sfornare generazioni di bravi calciatori ma innanzitutto generazioni di uomini».

Franco Capello ha ricordato commosso Roberto «che anche quest’anno sarà con noi e giocherà il secondo torneo a lui dedicato. Arriveranno in città le migliori scuole calcio a livello regionale, le società presenti saranno 42 ma abbiamo avuto altrettante richieste che speriamo di poter soddisfare nei prossimi anni».

Chiusura per Giacomo Dore: «Per noi è stato un grande onore essere inseriti nel calendario del Redentore, volevo ringraziare l’amministrazione, in particolare il sindaco e l’assessore allo sport Rachele Piras che nella conferenza stampa al Monte Ortobene ha speso delle bellissime parole per le madri dei nostri ragazzi, mi riferisco anche ai fratelli Pintor e tanti altri, che oggi non ci sono più. Un gesto di grande sensibilità che ho apprezzato molto. Con la neonata associazione “Roby nel Cuore” vogliamo stare concretamente vicini ai tanti progetti di solidarietà presenti nella nostra città. Per questa edizione abbiamo deciso di sposare la causa dell’associazione “L’Isola che non c’è” che si impegna quotidianamente al fianco delle persone disabili al fine di costruire percorsi di autosufficienza».

Lascia un commento