martedì 15 ottobre 2019, Aggiornato alle 12:52
Home > CRONACA REGIONALE > Antincendio: delibere beffa mai pubblicate sul bollettino ufficiale

Antincendio: delibere beffa mai pubblicate sul bollettino ufficiale

Antincendio in azione a Ghidulè (F. Andrea Seddone)

“Ecco come la giunta tutela gli uomini che hanno salvato dai roghi la nostra terra.”

«Ho letto attentamente l’elenco dei risultati ottenuti dalla Giunta regionale nei primi 100 giorni di governo e ho notato un dato che balza agli occhi: nessuno degli assessori, probabilmente per modestia, si è intestato un piccolo record» Lo ha detto il consigliere regionale del Movimento 5Stelle Desire Manca.

«Mi riferisco a due delibere di Giunta dedicate agli operatori antincendio, la 28/1 e la 28/2 del 26 Luglio u.s., che ad oggi, ad oltre un mese dalla loro approvazione, non sono state pubblicate sul Bollettino Ufficiale della Regione, e per questo, sono prive di efficacia. Ma siccome non c’è limite al peggio, gli assessori al Personale e all’Ambiente giustificano il ritardo con il fatto che il personale della Regione sarebbe in ferie. Ovviamente le ferie avrebbero comportato la mancata pubblicazione soltanto di queste due delibere, mentre le successive sono state correttamente pubblicate».

Con amarezza e incredulità la capogruppo del M5S Desirè Manca denuncia di aver scoperto che, buona parte del malcontento degli operatori antincendio sardi, pronti a scendere in piazza, è dovuto anche a una grave dimenticanza della Giunta. In sostanza, due delibere a loro dedicate sarebbero state lasciate sulle scrivanie.

«Alla luce di tutto questo – continua Desirè Manca – gli operatori antincendio, che vogliamo ricordare hanno affrontato oltre 2000 roghi solo nei giorni scorsi, ai quali sono dedicate queste due delibere, si sentono giustamente presi in giro e hanno proclamato uno sciopero per il 10 settembre».

«Noi invece – conclude la capogruppo del M5S – ci domandiamo dove è finita la serietà e la credibilità di una Giunta che non dà seguito alle proprie delibere utilizzando squallidi artifizi per “superare la nottata”, e sempre sulla pelle dei cittadini».

 

Lascia un commento