martedì 16 luglio 2019, Aggiornato alle 16:01
Home > CRONACA REGIONALE > Contas. Per Pasqua l’agnello in una tavola su due. Raggiunti prezzi record

Contas. Per Pasqua l’agnello in una tavola su due. Raggiunti prezzi record

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Agnello sardo (foto S.Novellu)
Agnello sardo (foto S.Novellu)

Ha raggiunto i 5,30 euro al kg (peso vivo), con punte di 5,50, ed in quale caso lo ha anche superato il prezzo dell’agnello sardo Igp pagato al pastore. Un prezzo record, comunque il più alto degli ultimi anni che tradotto in prezzo/carne al kg si traduce in 8.50 euro/kg. I più alti si sono raggiunti grazie alle aste con le quali gruppi di pastori vendono i propri agnelli ai macellatori.

Una boccata di ossigeno importante per i pastori che da gennaio a marzo avevano visto crollare il prezzo anche a 2,30 euro/kg (peso vivo).

Per questo questa mattina, a Roma, il presidente Battista Cualbu, nel corso della cerimonia in cui gli è stato consegnato il premio  «amico del consumatore – Cibo amico” dal presidente della Codacons Carlo Rienzi e di Coldiretti Ettore Prandini, si è appellato al senso di responsabilità di quei ipermercati e super mercati che utilizzano l’agnello di Sardegna Igp come prodotto civetta per attirare la clientela, promuovendolo a prezzi sotto costo. Questa è speculazione e non è un comportamento eticamente corretto – ha detto – ne nei confronti dei concorrenti e neppure dei consumatori e dei pastori».

Il prezzo pagato a 5,30 nelle aste e 4,60 nella vendita del singolo pastore (peso vivo) si traduce in un costo (a peso morto) di 8,50 nel primo caso e 8 nel secondo.

«Per questo diffidate da chi vi propone l’agnello anche a meno di 7 euro – avverte il direttore del Consorzio Alessandro Mazzette -, alcuni giocano anche sul fatto del prezzo pagato al pastore non dicendo che quello è a peso vivo. Controllate bene l’etichetta, quello sardo garantito deve riportare l’etichetta Igp di Sardegna».

Lo scorso anno per Pasqua il prezzo dell’agnello pagato al pastore a peso vivo si era fermato a 4,70 con le aste e 4,20 – 4,30 per i singoli.

L’agnello rimane il simbolo della Pasqua. Come emerso da una indagine Coldiretti/Ixe’ è l’alimento preferito dagli italiani, sarà servito in oltre la metà delle tavole (51%) nelle case, nei ristoranti e negli agriturismi. In Sardegna la percentuale cresce e arriva a circa il 65%.

Gli italiani preferiscono carne di origine nazionale (88%) con quasi 1/4 dei consumatori che ha scelto addirittura di acquistare direttamente dal pastore per garantirsi la provenienza.

Nel mese di aprile in Sardegna sono stati macellati circa 70mila agnelli marchiati Igp di Sardegna, il 70% del totale macellato nell’isola (100mila). Nell’annata in corso ad oggi sono stati marchiati Igp di Sardegna 653.070 agnelli.

Nel 2018 gli agnelli marchiati Igp di Sardegna sono stati 750.009, nel 2017, 732.323.

«L’azione di controllo contro le frodi è perenne – afferma il direttore Mazzette – e la stiamo continuando a rafforzarla. Adesso anche grazie ad un accordo con gli altri Consorzi di tutela italiani, dell’Abbacchio e del Centro Italia, con i quali stiamo coordinando l’azione dei vigilatori. Abbiamo già scoperto diversi casi in cui si promuoveva l’agnello italiano nel volantino che poi però era assente nel bando frigo dove abbiamo trovate solo quello di origine straniera».

Per queste festività gli agnelli made in Italy saranno circa il 20%, quelli sardi Igp il 10% rispetto al consumo. Gli altri sono agnelli che provengono dall’estero, in particolare Grecia, Romania e Macedonia.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento