lunedì 15 luglio 2019, Aggiornato alle 19:51
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > UniStem day. 400 studenti sardi a confronto sulle cellule staminali

UniStem day. 400 studenti sardi a confronto sulle cellule staminali

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.

Venerdì 15 marzo, dalle 9 alle 13, l’aula magna “Alberto Boscolo” – Cittadella universitaria, Monserrato – ospita l’UniStem day 2019 intitolato “The moon doesn’t exist”. L’appuntamento scientifico internazionale dedicato agli studenti delle scuole superiori della Sardegna, verte su conoscenza, innovazione e ricerca con in primo piano le cellule staminali. Alla giornata prendono parte le delegazioni di dodici tra licei e istituti superiori di Quartu, Cagliari, Carbonia, Assemini e Villacidro. Come per ogni edizione è prevista la visita a sorpresa di alcuni grandi campioni dello sport contemporaneo. A UniStem sono intervenuti, tra gli altri, la mezzala del Cagliari Nicolò Barella, il velista Andrea Mura e i cestisti della Dinamo Academy.

Organizzato dal Centro UniStem a partire dal 2009, l’evento “è un’occasione per apprendere, scoprire e confrontarsi su conoscenza e innovazione a partire dalla ricerca sulle cellule staminali” spiega Micaela Morelli, pro rettore Ricerca scientifica e coordinatrice della giornata con Iole Tomassini. L’UniStem day 2019 si sviluppa tra lezioni, discussioni, filmati, visite ai laboratori ed eventi ricreativi. «I ragazzi possono incontrare contenuti e metodi della scienza e scoprire che la ricerca scientifica è divertente e favorisce relazioni personali e sociali costruite su coraggio, prove e integrità» aggiunge la professoressa Tomassini. L’undicesima edizione sarà ancora una volta caratterizzata dall’unicità dell’essere “insieme”, con il coinvolgimento di novantanove atenei e centri di ricerca in Australia, Austria, Colombia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Singapore, Spagna, Svezia e Ungheria.

Lascia un commento