giovedì 21 marzo 2019, Aggiornato alle 12:51
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Nuoro. Maria Lai e Grazia Deledda protagoniste del progetto internazionale che racconta le tradizioni tessili

Nuoro. Maria Lai e Grazia Deledda protagoniste del progetto internazionale che racconta le tradizioni tessili

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Un momento della presentazione del progetto

Due donne, una tradizione secolare, la Sardegna raccontata da diversi punti di vista attraverso un telaio. Maria Lai e Grazia Deledda, l’arte della tessitura, 23 Comuni che con un filo uniscono simbolicamente tutta l’Isola. È un progetto fortemente simbolico e suggestivo “Maria Lai – Andando via. Omaggio a Grazia Deledda”, un progetto che vuole portare la Sardegna nel mondo partendo dall’eredità artistica e culturale di due ambasciatrici sarde riconosciute e apprezzate a livello internazionale. Un arazzo, opera corale, accoglierà le tradizioni tessili delle 23 comunità che partecipano ognuna con le proprie peculiarità di stili, tecniche e materiali, per comporre una replica di “Andando via”, l’ultima grande opera pubblica di Maria Lai dedicata appunto a Grazia Deledda. Ciascuna Amministrazione partner del progetto, avrà cura di realizzare con risorse proprie una parte dell’opera, coinvolgendo gli artigiani locali e valorizzando le singole tradizioni tessili.

L’Assessorato della Programmazione finanzia con 250mila euro la internazionalizzazione dell’opera e la sua promozione nei Comuni che aderiscono al progetto. Oggi a Nuoro l’assessore Raffaele Paci, ospite del sindaco Andrea Soddu nell’aula consiliare del Comune, ha presentato il progetto insieme ai sindaci dei Comuni coinvolti (Galtellì, Aggius, Nule, Sarule, Samugheo, Mogoro, Dorgali, Tonara, Atzara, Villacidro Ulassai, Bonorva, Villamassargia, Mamoiada, Muravera, Zeddiani, Armungia, Bolotana, Oliena, Isili, Urzulei, Siliqua e Nuoro), al presidente Anci Emiliano Deiana e all’ideatrice del progetto Giuditta Sireus.

«Abbiamo accolto subito l’invito a sostenere questo progetto, il primo di filiera all’interno della programmazione territoriale, che unisce l’intera Sardegna attraverso una delle sue arti più antiche e rappresentative», dice Paci. «Con questo progetto ci sono in campo tante cose importanti: la sinergia fra i Comuni, ben 23 che da nord a sud uniscono forze e competenze in un unico progetto; la valorizzazione delle nostre tradizioni, uniche e inimitabili, che sono la vera forza delle comunità; un processo di internazionalizzazione; la valorizzazione della nostra identità; il desiderio comune di varcare i confini regionali per farsi conoscere nel mondo. Un progetto che traccia un suggestivo percorso esperenziale, nel nome di due donne che attraverso l’arte e la scrittura hanno lasciato una traccia indelebile nella nostra cultura».

La Columbia University, con cui la Regione ha avviato una collaborazione proprio per la promozione della Sardegna negli Stati Uniti, ha già segnalato l’interesse ad avviare un percorso di studio, analisi e valorizzazione della figura e delle opere di Maria Lai nel quadro delle attività da svolgere a New York.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento