domenica 19 maggio 2019, Aggiornato alle 11:03
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Fonni: i Carabinieri celebrano il 50° anniversario dell’uccisione del Vice Brigadiere Carlo Lombardo

Fonni: i Carabinieri celebrano il 50° anniversario dell’uccisione del Vice Brigadiere Carlo Lombardo

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Un momento della messa in onore di Carlo Lombardo
Un momento della messa in onore di Carlo Lombardo

Si è celebrata nella mattinata di oggi, nella  chiesa del convento di Santa Maria dei Martiri a Fonni, la santa messa per  il 50° anniversario della morte del Vice Brigadiere Carlo Lombardo, ucciso durante un servizio di controllo dentro il paese ubicato sulle pendici del Gennargentu.

Il militare, aveva 23 anni ed era originario di Roma, quando la notte del 24 dicembre 1966,  in servizio con altri quattro colleghi,  fu raggiunto mortalmente al torace da un colpo di fucile calibro 12.

Le indagini non hanno mai portato all’arresto degli autori materiali di quel gesto vile, l’unica certezza era che il Carabinieri morto nell’agguato stava investigando su un omicidio avvenuto poco prima ai danni di un macellaio di Fonni, avendo anche identificato gli assassini dell’uomo.

A seguito del grave fatto di sangue e dell’ eroico sacrificio del giovane Carabiniere, il presidente della Repubblica, su proposta del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, il 5 giugno 2009 ha concesso la medaglia d’oro al valor civile al Brigadiere Lombardo.

Alla messa hanno partecipato il Comandante della Legione Sardegna, Gen. B. Paolo Nardone, il comandante della Compagnia di Nuoro Magg. Alessio Falzone, il Sindaco di Fonni Daniela Falconi e una rappresentanza della Associazione Nazionale Carabinieri e della Compagnia di Nuoro.

Alcuni cittadini di Fonni che avevano conosciuto personalemtne il Carabiniere Carlo Lombardo, hanno testimoniato con parole commoventi il suo attaccamento all’ istituzione, alla Patria e alla popolazione di Fonni.

Dopo la breve e sobria cerimonia officiata da Padre Pier Gavino Piras e concelebrata da Don Mariano Asunis, cappellano militare della Legione Carabinieri Sardegna, è stata deposta una corona di fiori al vicino monumento ai caduti, ubicato a pochi metri dal luogo dove fu compiuto l’omicidio del Carabiniere.

Lascia un commento