Baronia: un aggressione a Siniscola.

Sonia

Baronia: un aggressione a Siniscola.

martedì 02 Luglio 2013 - 14:24
Baronia: un aggressione a Siniscola.

Un immagine simbolo di violenza sulle donne

Violenza sulle donne (Google Images – Cronache Nuoresi)

Tenta di stuprare due ragazze minacciandole con un coltello. Minacce al 118 di Orosei

Alla La Caletta di Siniscola, due ragazze di 24 e 26 anni sono state sorprese in casa da un individuo il quale, coltello alla mano, le ha costrette a spogliarsi con l’intento di abusare di loro. Ne è nata una violenza colluttazione: una delle giovani donne è rimasta ferita a una mano, ma insieme all’amica è riuscita a fuggire lanciando l’allarme. Immediato l’intervento dei carabinieri. L’aggressore, Ivan Melis, 26 anni, di Mamoiada, è stato immobilizzato e arrestato, mentre le ragazze, terrorizzate e sotto choc, sono state accompagnate in ospedale per accertamenti e per curare la ferita alla mano.

Secondo la ricostruzione dei militari, Melis era riuscito a farsi aprire con uno stratagemma: facendo rumori all’esterno, ha attirato l’attenzione delle due giovani che hanno aperto la porta pensando si trattasse di una cane o un gatto in difficoltà. Sono state invece sorprese dalla brutalità di Melis che, spinte all’interno dell’abitazione e sotto la minaccia del coltello, le ha obbligate a togliersi i vestiti. Seppur terrorizzate, le vittime dell’aggressione sono riuscite a reagire e a sfuggire al loro potenziale aguzzino.

L’uomo era già stato arrestato nel novembre scorso per spaccio di cocaina e attualmente era sottoposto all’obbligo di dimora. Per lui si sono aperte di nuovo le porte del carcere nuorese di Badu ‘e Carros.

Minacce alla M.M. Soccorso di Orosei

Lettera di minacce ai operatori della cooperativa sociale del soccorso che a Orosei garantisce il servizio del 118, la M.M. “Soccorso”. Sono stati gli stessi operatori a trovarla: uno scritto pieno di minacce di morte e di ingiurie, appositamente  messo nella cassetta postale all’ingresso della cooperativa. Subito è partita la denuncia ai Carabinieri del paese.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta