giovedì 13 dicembre 2018, Aggiornato alle 10:32
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Interrogazione di D.Forma su “Trasferimento del servizio idrico integrato ZIR di Macomer a Abbanoa”

Interrogazione di D.Forma su “Trasferimento del servizio idrico integrato ZIR di Macomer a Abbanoa”

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Il depuratore consortile di Macomer
Il depuratore consortile di Macomer

Il consigliere regionale del Partito Democratico Daniela Forma – già prima firmataria di una mozione approvata dal Consiglio Regionale lo scorso 29 Maggio – interviene sul trasferimento del servizio idrico, fognario e di depurazione del sito industriale di Macomer e deposita una interrogazione indirizzata al Presidente della Regione, Francesco Pigliaru, e all’Assessore Regionale dell’Industria, Maria Grazia Piras.

“La Giunta Regionale – ricorda Daniela Forma – ha autorizzato con propria Deliberazione dell’8 Agosto 2017 l’attivazione della procedura finalizzata al trasferimento in capo ad Abbanoa s.p.a. degli impianti idrici, fognari e di depurazione gestiti del Consorzio ZIR di Macomer in liquidazione e, successivamente, con il Decreto Presidenziale n. 85 del 2017 è stato approvato il Piano dei trasferimenti degli impianti e delle unità di Personale individuate. Il subentro effettivo è stato inizialmente previsto per il 1° Giugno 2018.

Il consigliere regionale PD Daniela Forma (foto S.Novellu)

Il consigliere regionale PD Daniela Forma (foto S.Novellu)

Sennonché – ricorda la Forma – nel momento in cui le aziende insediate nelle aree di Tossilo e Bonu Trau hanno provato a capire quali sarebbero state per loro le ripercussioni di questo passaggio, hanno appreso che, a parità di servizio e consumi, gli importi da corrispondere alla società Abbanoa sarebbero quadruplicati rispetto a quelli pagati al Consorzio industriale di Macomer.

Questo fatto ha comportato una sollevazione delle aziende di Macomer, per il tramite delle loro associazioni di categoria, e la conseguente presa in carico della questione da parte del Consiglio Regionale che ha approvato la Mozione n. 420 sottoscritta dai consiglieri regionali Daniela Forma, Pietro Cocco, Daniele Cocco, Busia, Zanchetta, Comandini, Cozzolino, Deriu, Gaia, Giuseppe Meloni, Valerio Meloni, Pinna, Piscedda e Solinas. Tale Mozione – dichiara Daniela Forma – ha impegnato la Giunta Regionale, tra le altre cose, a convocare un apposito Tavolo Tecnico che coinvolgesse la Presidenza della Regione, l’Assessorato regionale dell’industria, la società Abbanoa Spa, l’EGAS Sardegna e gli enti locali interessati al fine di approfondire la problematica e verificare le possibilità di addivenire ad una soluzione che rendesse i costi del servizio idrico sostenibili per le aziende e in linea con quelli applicati dal gestore consortile. Proprio a seguito dell’indirizzo ricevuto dal Consiglio Regionale, l’Assessorato Regionale dell’Industria, unitamente ad Abbanoa ed EGAS, ha differito il termine del trasferimento al 1° Novembre 2018.

Arriviamo al mese di Ottobre del 2018. L’Assessorato Regionale dell’Industria convoca il Tavolo Tecnico previsto dalla Mozione consiliare e – comunica Daniela Forma – appreso che EGAS sta lavorando alla proposizione di una tariffa specifica per le attività industriali, chiede un’ulteriore proroga del trasferimento del servizio idrico integrato per consentire la maturazione di un quadro tariffario che consentirebbe alle aziende insediate a Macomer di non vedersi quadruplicare le tariffe oltre che il raggiungimento di un importante risultato per tutte le attività industriali della nostra Regione.

Poiché ad oggi – dichiara Daniela Forma – non risulta formale accettazione del percorso di mediazione proposto dalla Giunta Regionale e anzi, qualche giorno fa, il Gestore Unico Abbanoa spa ha comunicato alle aziende insediate nell’area industriale di Tossilo e Bonu Trau di Macomer che il trasferimento della gestione del Servizio Idrico Integrato si è perfezionato dal 1° Novembre, invitando tutti gli utenti che ancora non avessero provveduto a trasmettere i propri dati entro il 30 Novembre per impostare il futuro rapporto contrattuale, pena l’interruzione della fornitura idrica e del collegamento alla rete fognaria, ho depositato una specifica Interrogazione.

L’Interrogazione indirizzata al Presidente della Regione, Francesco Pigliaru, e all’Assessore Regionale dell’Industria, Maria Grazia Piras, chiede di sapere:

  • come sia possibile che Abbanoa s.p.a. abbia comunicato agli utenti l’avvenuto perfezionamento del trasferimento del servizio idrico integrato dal Consorzio industriale di Macomer ad Abbanoa s.p.a. senza tener conto delle interlocuzioni istituzionali in corso e della richiesta di proroga formulata e reiterata da parte dell’Assessorato Regionale dell’Industria;
  • che ruolo abbia avuto il Consorzio Industriale di Macomer in liquidazione in questa partita, quale la collaborazione offerta all’Assessorato Regionale dell’Industria per assecondare il mandato ricevuto dal Consiglio Regionale di addivenire ad una soluzione che tenesse conto delle esigenze delle aziende insediate;
  • quali tariffe verranno applicate alle aziende insediate nelle aree industriali di Tossilo e Bonu Trau a far data dal 1° Novembre 2018”.

Lascia un commento