martedì 13 novembre 2018, Aggiornato alle 15:27
Home > CULTURA E SPETTACOLO > ISRE. Al via il progetto “Grazia Deledda incontra Dario Fo”: mostre, convegni e spettacoli in nome dei Nobel

ISRE. Al via il progetto “Grazia Deledda incontra Dario Fo”: mostre, convegni e spettacoli in nome dei Nobel

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Jacopo Fo all'ISRE di Nuoro per la presentazione dell'evento
Jacopo Fo all'ISRE di Nuoro per la presentazione dell'evento

«C’è una cosa che manca all’Italia di oggi, ai giovani di oggi, e che invece trabocca nelle vite di Dario Fo e di Grazia Deledda: è la passione. L’insegnamento più importante che ci danno questi due giganti della letteratura è che non si deve mai accettare passivamente il destino. Entrambi erano destinati ad altro – la Deledda alla quarta elementare, a una vita semplice e senza pretese, Fo a un futuro da architetto o da pittore. E invece hanno saputo cambiare tutto, rovesciare il tavolo. Cambiare vita».

Nella biblioteca dell’Isre, a Nuoro, Jacopo Fo ha presentato il progetto ‘Il Nobel incontra il Nobel – Grazia Deledda incontra Dario Fo. Accanto a lui la figlia Mattea, Giuseppe Matteo Pirisi, presidente dell’Istituto Superiore Regionale Etnografico, organizzatore dell’evento, Andrea Soddu, sindaco di Nuoro, e Francesco Muscau, direttore artistico della manifestazione.

«La grandezza di Grazia Deledda» continua Fo «sta nella sua capacità di avere intuito che la cultura popolare, fino a quel momento disprezzata, sottovalutata e messa ai margini, avesse un valore assoluto, una forza sconvolgente».

“Il Nobel incontra i Nobel è un’idea molto ambiziosa”, dice Giuseppe Matteo Pirisi, il presidente dell’ente che a Nuoro gestisce la Casa-Museo che diede i natali alla scrittrice, “nata per valorizzare l’opera e il pensiero di Grazia Deledda. Vogliamo creare un appuntamento annuale che produca una circolarità di idee, di spunti, di riflessioni attraverso l’incontro tra l’opera della scrittrice e quella di altri Premi Nobel, attraverso esposizioni, spettacoli e giornate di studio; un ricco programma di attività culturali che animeranno la città per tutto il periodo della manifestazione”.

«L’ultimo italiano a vincere il premio Nobel per la Letteratura incontra Grazia Deledda, prima e unica donna italiana a vincere l’ambìto premio letterario, nel 1926, – continua Pirisi. Dario Fo e la Deledda hanno numerose analogie: entrambi anticonformisti, si posero nelle rispettive epoche come elementi di forte rottura. Entrambi affondano le radici nella lingua, nel mito e nella storia, pescando a piene mani nella cultura popolare, nelle sue maschere e nelle sue memorie. Con questo evento Grazia Deledda rivive, torna a farsi carne, diventa viva tramite il suo messaggio».

Il Direttore artistico del progetto, Francesco Muscau, racconta: «Ragionare intorno all’opera di un Premio Nobel non solo significa analizzare la sua componente più strettamente letteraria ma anche approfondire la cultura antropologica, la storia del Paese d’origine e gli aspetti socio-culturali che hanno caratterizzato la crescita e la formazione del personaggio. Per questo vengono organizzati eventi culturali che arricchiscano il processo di conoscenza e possano coinvolgere sia gli appassionati che le famiglie e gli studenti. Deledda e Fo sono due scrittori apparentemente diversi, sia per formazione che per stile e generi letterari, e l’obiettivo della rassegna è proprio quello di aprire un confronto e un dialogo. Confrontando Grazia Deledda e Dario Fo viene fuori che entrambi hanno avuto una particolare attenzione verso il mondo popolare e l’oralità, verso l’impegno e la militanza, e con la manifestazione “Grazia Deledda incontra Dario Fo” si cercherà di sviluppare questo confronto con la consapevolezza che si tratta un’operazione culturale che pone al centro l’incontro e la scoperta di entrambi gli scrittori».

Questi gli eventi della manifestazione:

– Dal 26 ottobre al 26 gennaio sarà aperta al pubblico la Mostra Il Mondo Popolare narrato da Dario Fo a cura di Mattea Fo e Stefano Bertea per la Compagnia Teatrale Fo Rame, che sarà declinata in due ambiti:
La Maschera, la Commedia dell’Arte, il Teatro all’Improvvisa 
presso il Museo del Costume (via Mereu, 56),
Impegno Sociale, Culturale, e Politico nell’Arte di un Premio Nobel
presso l’ex Artiglieria (Viale Sardegna, 13).

– Il 26 ottobre è previsto l’evento per inaugurare la Mostra e dare ufficialmente inizio alla rassegna, il primo appuntamento è alle ore 17,30 presso l’ex Artiglieria e alle 19,15 presso il Museo del Costume.
Per l’occasione l’Atp Nuoro attiverà una navetta che partirà alle 18,45 dall’ex Artiglieria per raggiungere il Museo del Costume.

– Il 10 novembre alle ore 21,00 presso il TEN – Teatro Eliseo Nuoro andrà in scena lo spettacolo Mistero Buffo di Dario Fo e Franca Rame recitato da Mario Pirovano, attore della Compagnia Teatrale Fo Rame dal 1983 e formato dai due artisti. In occasione dei 50 anni dalla prima, che ricorrono agli inizi del 2019, Mario Pirovano reciterà i monologhi originari di Mistero Buffo arricchendo la performance con alcuni dei pezzi che hanno reso questo spettacolo famoso in tutto il mondo.

– Il 10 dicembre è in programma, presso l’Auditorium “Giovanni Lilliu”, l’apertura dei lavori del Convegno Oralità narrativa, cultura popolare e arte: Grazia Deledda incontra Dario Fo a cura della Professoressa Cristina Lavinio. Le giornate di studio vedranno la partecipazione di esperti a livello internazionale, alcuni specializzati sulla figura di Grazia Deledda e altri sulla figura di Dario Fo.

Gli appuntamenti del convegno prevedono:

Lunedì 10 dicembre
Interventi di: Pietro Clemente – Antonio Fanelli; Angela Guiso, Un grido nella notte e Il vecchio Moisè: un vecchio racconta. Descrizione del modo tenuto da Grazia Deledda nella rappresentazione di un motivo-chiave delle sue novelle; Maria Elvira Ciusa, Il visibile narrare in Deledda e BiasiLuciano Marrocu, Grazia Deledda e la società letteraria romana; Paola Pittalis, Grazia Deledda oggi;  Cristina Lavinio, “Era un silenzio che ascoltava”: Grazia Deledda tra leggende e fiabe. A chiudere la performance di Mario Pirovano, che racconterà l’incontro immaginario tra i due Premi Nobel con gli occhi di Dario Fo.

Martedì 11
Interventi di: Felice Tiragallo, con la presentazione di un breve video con Dario Fo che fa a Cagliari, Facoltà di Lettere, Mistero buffo nel 1974; Paolo Puppa, Fo e i suoi figli: il teatro di narrazione; Rossana Brusegan, Pietro Trifone; Stefania Stefanelli, Dario Fo nella storia linguistica italiana del secondo dopoguerra; Maria Teresa Pizza. A chiudere la performance di Paolo Puppa.

 

MAGGIORI INFORMAZIONI
graziadeledda.dariofo.it
#deleddafo

Lascia un commento