martedì 11 dicembre 2018, Aggiornato alle 22:41
Home > CRONACA REGIONALE > Supramonte. Sentieri turistici più sicuri con la copertura radio

Supramonte. Sentieri turistici più sicuri con la copertura radio

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.

 

Si è conclusa la mappatura della copertura del sistema radio regionale nei sentieri turistici del Supramonte di Orgosolo e Urzulei per accertare zone d’ombra e acquisire informazioni necessarie in fase di soccorso è  il progetto già partito della direzione regionale della Protezione civile.

«Nella quotidiana attività di soccorso in escursione assume una importanza fondamentale la possibilità di tracciare il percorso di un escursionista – spiega l’assessore della Difesa dell’ambiente con delega alla Protezione civile, Donatella Spano – grazie al progetto, attraverso i fondi Por 2013/2017, i comuni coinvolti hanno la possibilità di dotarsi di apparecchiature di comunicazione in grado di migliorare la sicurezza dei percorsi montani e di trekking più frequentati dai turisti a partire dalla primavera e sino ad autunno inoltrato».

Al progetto collaborano dieci associazioni del volontariato di Protezione civile, una squadra locale del Corpo forestale e dell’agenzia Forestas, gli uffici territoriali di Nuoro e Lanusei, il Soccorso Alpino (CNAS) e le amministrazioni comunali di Orgosolo e Urzulei.

Il progetto riveste una particolare importanza anche per il Soccorso Alpino e Speleologico della Sardegna in quanto la possibilità di comunicare attraverso un sistema radio efficiente, soprattutto nella fase di emergenza, si rivela fondamentale.

Da lunedì 16 luglio numerosi tecnici delle Delegazioni Speleo e Alpine di tutta la Sardegna, a piedi e con l’uso di fuoristrada hanno percorso i sentieri più battuti del Supramonte di Urzulei e Orgosolo, coordinati dal Centro di Coordinamento Mobile, che ha dato supporto tecnologico con apparati digitali di ultima generazione, geolocalizzazioni radio e connessione dati satellitare, dal campo base istituito presso la caserma di Funtana Bona dell’Agenzia Forestas, Grazie al finanziamento ottenuto con in fondi POR 2013/2017, i Comuni coinvolti hanno la possibilità di dotarsi di apparecchiature di comunicazione in grado di migliorare la sicurezza dei percorsi montani più frequentati dai turisti.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento