venerdì 17 agosto 2018, Aggiornato alle 17:28
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > All’ISRE un viaggio nella Sardegna di Primo Novecento con le immagini di Max Leopold Wagner

All’ISRE un viaggio nella Sardegna di Primo Novecento con le immagini di Max Leopold Wagner

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
ISRE, mostra Max Leopold Wagner (foto S.Novellu)
ISRE, mostra Max Leopold Wagner (foto S.Novellu)

 

È l’Isola vista dall’occhio di Max Leopold Wagner, “il padre della linguistica sarda”, nato a Monaco di Baviera nel 1880 e morto a Washington nel 1962, quella che andrà in mostra a Nuoro, al Museo del Costume, dal 25 maggio al 30 settembre 2018 (si inaugura il 25 maggio alle ore 18.00).

Max Leopold Wagner, Fonni 1912 (archivio Ilisso Edizioni)

Max Leopold Wagner, Fonni 1912 (archivio Ilisso Edizioni)

L’esposizione – voluta e patrocinata dall’ISRE (Istituto Superiore Regionale Etnografico) e dalla casa editrice Ilisso – è un omaggio all’incommensurabile amore, fermamente ricambiato, di Max Leopold Wagner per la Sardegna. L’antropologo linguista con la sua opera non solo portò alla luce gli aspetti più importanti dell’idioma isolano, dalla fonetica alla morfologia, dalla formazione delle parole al lessico: ma ne ritrasse alcuni momenti irripetibili, in un gioco di rimandi che è insieme assenza nella presenza. Da queste fotografie emerge un invisibile, che ci guarda e agisce sulla nostra memoria.

Spostandosi in bicicletta e a cavallo – soggiornò praticamente sull’intero territorio regionale in ripetuti viaggi dal 1904 al 1927 – Wagner ebbe modo di ribaltare tanti luoghi comuni intorno ai sardi, comprendendo e descrivendo gli isolani con tale acutezza (padroneggiava il dialetto cagliaritano e amava l’armoniosità e l’arcaicità di quello delle Barbagie).

Max Leopold Wagner, panoramica di Gavoi

Max Leopold Wagner, panoramica di Gavoi, 1904-06  (archivio Ilisso Edizioni)

Il suo approccio fotografico è di natura documentale: immergersi il più a lungo possibile nel sociale più primitivo, fra la gente che non avesse «un certo grado d’istruzione», intercettando nel linguaggio la «struttura sintattica della frase», sentendo con essa il pensiero, arrivando quindi in profondità ai caratteri coi quali entrava in contatto. Dunque Wagner non si fa solo mero compilatore di «una lista di parole»: vuole conoscere a fondo e dall’interno la cultura che sta esaminando. La sua ricerca fotografica va per gradi: il primo livello è quello dello spectrum: il villaggio viene fotografato da lontano, nel suo insieme, immerso nel suo paesaggio; successivamente l’immagine si ravvicina sempre più, entra nelle vie, nelle strade, cerca, passo più difficile, di varcare la soglia delle abitazioni, posandosi infine sulle cose e sugli uomini.

Ciò che viene fuori è una magia: un ritratto corale, d’insieme e particolareggiato nello stesso istante: un’istantanea storica del sociale più primitivo, dalla cui profondità emerge l’anima e il pensiero dell’Isola dei primi anni del secolo scorso.

Max Leopold Wagner, gramolatura dell'orbace a Busachi, 1904-06

Max Leopold Wagner, gramolatura dell’orbace a Busachi, 1904-06 (archivio Ilisso Edizioni)

Wagner visitò numerose località della Sardegna e di molte di esse, purtroppo, non sono pervenute sino a noi le relative documentazioni fotografiche. Questa mostra – come si evince dagli scritti – mostra la sua predilezione per i villaggi rurali piuttosto che per le città, le cui dinamiche, condizionate da sempre dalla maggiore frequenza degli scambi con l’esterno, sono state di minore interesse per i suoi studi da antropologo.

Il tedesco – che usò una camera 9 x 12 con cavalletto – non era certo un maestro della fotografia: la connotazione tecnico formale in Wagner non è scevra da una certa trascuratezza o imperizia tecnica, cui sono da imputare i numerosi difetti delle immagini, sovra e sottoesposizioni, mossi, impronte digitali sulle emulsioni, graffi e abrasioni dei negativi, non sempre dovuti a una scorretta conservazione.

C’è, tuttavia, una profondità diversa nelle sue immagini: non è la profondità di campo, è una profondità dell’anima quella che l’autore fa emergere, nitida e abbagliante, quella più autentica e più profonda di una Sardegna perduta.

La mostra inaugura il 25 maggio a Nuoro, al Museo del Costume, alle ore 18.00.

S.N. © Tutti i diritti riservati

Lascia un commento