Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Ponte di Oloè chiuso da quasi cinque mesi: monta la protesta. I cittadini chiedono risposte certe alla Regione

Ponte di Oloè chiuso da quasi cinque mesi: monta la protesta. I cittadini chiedono risposte certe alla Regione

Il ponte di Oloè sequestrato dall'Autorità giudiziaria
Il ponte di Oloè sequestrato dall'Autorità giudiziaria

Il “Comitato  Oliena” ha organizzato un incontro per  mercoledì prossimo al quale invita tutta la cittadinanza a partecipare

Un tira e molla che dura da troppo tempo, al quale ormai i cittadini del nuorese non vogliono più sottostare.

Si parla del drammatico problema della chiusura del ponte di “Oloè” sito nella provinciale 46  tra Oliena e Dorgali.

Un collegamento  strategico per il territorio sia sotto il profilo viario che economico.

Come afferma il “Comitato Oliena” costituitosi ormai da tre mesi e che ha avanzato una serie di istanze e proposto delle azioni al fine di attirare l’attenzione e risolvere un vero e prorpio ostacolo che ha condannato  il paese di Oliena (e in parte di Dorgali) all’isolamento, “costringendo pastori, impiegati e turisti a allungare i percorsi utilizzando vie alternative spesso malmesse e sconce!” afferma il Comitato che scrive in una nota: “da quella famosa lettera di richiesta chiarimento indirizzata al Prefetto di Nuoro, la Procura, i Comuni di Oliena, Orgosolo, Nuoro e Dorgali è scaturito un incontro di emergenza tra le parti interessate che hanno concordato una nuova perizia al fine di verificarne la transitabilità o meno (effettuata ai primi di maggio) il cui esito è ancora oggi sconosciuto, nonostante voci “ufficiose” parlino di esito positivo.

Nonostante le nostre istanze e il nostro impegno, nonostante un Consiglio Comunale allargato ai Comuni di Dorgali, Orgosolo e Nuoro, nonostante promesse e garanzie da parte delle varie Amministrazioni a cominciare da quella di Oliena tutto è regolarmente fermo a 3 mesi fa, compresi i disagi e le difficoltà agli utenti”

Il Comitato ha fissato per il giorno mercoledi 14 giugno a partire dalle ore 15.00  un incontro nella piazza del Comune per parlare della problematica e a ottenere risposte certe e celeri e arrivare alla riapertura definitiva del ponte e invita tutta la cittadinanza a partecipare: “in particolare l’appello è rivolto a pastori, contadini e operatori turistici che a causa della chiusura del ponte traggono maggiore disagio anche economico”.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

*