Ti piace il video game? "Mandami una foto delle tue parti intime": 28enne pedofilo arrestato

giovedì 20 giugno 2019, Aggiornato alle 11:58
Home > CRONACA REGIONALE > Ti piace il video game? “Mandami una foto delle tue parti intime”: 28enne pedofilo arrestato

Ti piace il video game? “Mandami una foto delle tue parti intime”: 28enne pedofilo arrestato

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Ha adescato anche due bambini di 10 anni utilizzando le chat presenti nelle piattaforme delle consolle di videogiochi.  Un 28enne residente a Cagliari è stato arrestato dagli agenti del Compartimento della polizia postale di Cagliari per detenzione di materiale pedopornografico, pornografia minorile e adescamento di minorenni. È la prima volta in Italia che viene arrestato un uomo che utilizzava  i programmi per giochi virtuali per adescare minori e recuperare materiale pedopornografico.

Il metodo era questo prima  l’uomo conquistava l’amicizia dei minorenni, poi chiedeva che gli inviassero foto nudi o in cui mostravano le parti intime, ma è stato scoperto grazie all’attività investigativa, condotta dal Compartimento della Polizia Postale di Cagliari, coordinato dal dirigente Francesco Greco.

Le indagini sono iniziate due mesi fa a seguito delle denunce delle mamme dei due bambini. Si erano accorte che i loro figli intrattenevano conversazioni inizialmente tramite la chat di una console e poi con successivi contatti che si sono trasferiti sull’applicativo di messaggeria istantanea denominato “WhatsApp”, con un soggetto che ha chiesto ai minori l’invio di foto riproducenti le parti intime.

I successivi accertamenti hanno consentito di individuare anche un terzo minore (sempre di anni 10) in contatto con l’arrestato che ha ricevuto da quest’ultimo un regalo consistente in una ricarica Skin Fortnite (gioco virtuale) con molta probabilità per ottenere le foto intime del minore.

Sul telefono cellulare in uso all’arrestato sono state rinvenute pure delle video chat intrattenute con minori, durante le quali,  i bambini si denudano simulando atti sessuali.

© Tutti i diritti riservati

 

Lascia un commento