giovedì 13 dicembre 2018, Aggiornato alle 6:45
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Assalti ai blindati: le nuove intercettazioni acquisite potrebbero ribaltare le accuse

Assalti ai blindati: le nuove intercettazioni acquisite potrebbero ribaltare le accuse

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
L'assalto al portavalori alle porte di Nuoro
L'assalto al portavalori alle porte di Nuoro

Si è tenuto oggi il processo d’appello per una serie di assalti ai  portavalori compiuti nel centro Sardegna dal 2013 al 2016 per i quali sono già stati condannati in primo grado Salvatore Sanna (17anni), Vittorio Fogu e Pietro Mereu (7anni), 5 anni e quattro mesi a Giovanni Francesco Bussu e 4 anni e quattro mesi a Francesco Fabrizio Crisponi.

Oggi gli avvocati della Difesa di Fogu e Sanna (Margherita Baragliu e Rinaldo Lai) hanno ottenuto la copia e il deposito di tutte le intercettazioni che non erano mai state messe a disposizione nel giudizio di primo grado. La Corte ha concesso un termine per l’esame di tutto il materiale che potrebbe ribaltare la ricostruzione sinora sposata dall’Nccusa.

Adesso Baragliu e Lai assieme agli altri avvocati difensori (Beatrice Goddi per Mereu, salvatore Castronuovo per Crisponi e Angelo Merlini), avranno tempo fino al 28 gennaio per verificare il nuovo materiale, giorno stabilito dalla Corte per la nuova udienza.

© Tutti i diritti riservati

 

Lascia un commento