giovedì 13 dicembre 2018, Aggiornato alle 6:45
Home > APPUNTAMENTI > ISTASAC: “le interviste ad Emilio Lussu concludono il ciclo di eventi

ISTASAC: “le interviste ad Emilio Lussu concludono il ciclo di eventi

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.

Le iniziative comprese nel ciclo 1914-1918 Sa Gherra manna, organizzato dall’Istituto per la Storia dell’Antifascismo e dell’Età contemporanea nella Sardegna centrale, nel centenario delle fine della Prima guerra mondiale, si concludono venerdì 30 novembre con la presentazione del volume e Cd La trincea e i pascoli. Il socialismo di Emilio Lussu. Si tratta di un documento inedito tratto dalla nastroteca dell’Istituto Ernesto de Martino, che contiene le ultime interviste ad Emilio Lussu, rilasciate nel 1969 allo studioso Gianni Bosio.

Nel colloquio, Lussu ricapitola i temi fondamentali del suo percorso politico e umano, dall’infanzia nel mondo pastorale di Armungia, all’esperienza della guerra e del movimento dei combattenti, all’antifascismo di Giustizia e Libertà, fino all’approdo ad una particolare forma di socialismo non amrxista.

Saranno presenti Antonio Fanelli (Università degli Studi di Firenze); Valerio Strinati (Istituto Ernesto De Martino); Felice Tiragallo (Università di Cagliari – Comitato Scientifico ISRE); Francesco Bachis (Università di Cagliari – ISSASCO). I lavori saranno introdotti e coordinati da Angelino Mereu (presidente ACSIT-Associazione Culturale Sardi in Toscana). Populos Tenore Nugoresu terrà un intervento musicale.

L’evento si terrà alle ore 18.00 nella Sala convegni dell’Exmé (piazza G.Mameli, 1 – Nuoro).

ISTASAC lo organizza con il patrocinio di: Prefettura di Nuoro, Comando Militare Esercito Sardegna, Comitato sardo per il centenario della Prima guerra mondiale 1914-1918, Distretto culturale del Nuorese, Fondazione di Sardegna, in collaborazione con: Istituto Superiore Regionale Etnografico, Comune di Nuoro, Libera Università della Terza Età, ACSIT Toscana, Istituto “De Martino”, ISSASCO, Fondazione Giorgio Asproni.

Lascia un commento