giovedì 13 dicembre 2018, Aggiornato alle 6:45
Home > BARONIA > Budoni. Identificato e denunciato il killer seriale di gatti

Budoni. Identificato e denunciato il killer seriale di gatti

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Metaldeide e diserbante i veleni usati per avvelenare cani e gatti
Metaldeide e diserbante i veleni usati per avvelenare cani e gatti

 

A dicembre dello scorso anno una sua vicina di casa aveva denunciato ai militari la morte sospetta di una prima gattina femmina, cui era seguito subito dopo il decesso di un’altra gatta ed il malore grave di un maschio. Le indagini, scattate subito, in poco di un anno, hanno consentito ai Carabinieri della Stazione di Budoni di denunciare un uomo residente nella cittadina costiera, responsabile della morte di diversi gatti.

I sospetti, in un primo momento, si erano concentrati su una serie di individui, per poi circoscriversi al vicino della donna.

Durante un appostamento i militari hanno anche potuto notare che l’uomo, apparentemente con benevolenza, dava da mangiare ai gattini mettendo loro a disposizione dei gustosi croccantini, dopo averli alterati con un liquido che a seguito delle analisi effettuate dai Carabinieri del RIS di Cagliari, è risultato essere una sostanza chimica utilizzata per raffreddare i motori degli aerei e automobili. Il liquido in questione è stato rinvenuto e sequestrato a seguito di una perquisizione all’interno del garage dell’uomo.

Gli stessi militari, qualche anno fa, avevano identificato e denunciato un giovane pescatore siniscolese che aveva fatto esplodere in volo un gabbiano con un grosso petardo (APPROFONDISCI). Il gesto, ripreso da un video che fece il giro del web determinò successivamente grazie a delle mirate attività dei militari, l’identificazione del responsabile, poi condannato dal Tribunale di Nuoro, la scorsa estate, a quasi due anni di carcere, dopo che anche l’Ente Nazionale Protezione Animali si era costituita parte civile nel processo (APPROFONDISCI).

Lascia un commento