martedì 13 novembre 2018, Aggiornato alle 15:27
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Nuoro. Azzeramento della Giunta: Saiu chiede le dimissioni del sindaco Soddu

Nuoro. Azzeramento della Giunta: Saiu chiede le dimissioni del sindaco Soddu

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Il consigliere di Opposizione Pierluigi Saiu (© foto S.Novellu)
Il consigliere di Opposizione Pierluigi Saiu (© foto S.Novellu)

Dopo l’azzeramento della Giunta con le dimissioni degli ultimi due assessori, tuona l’opposizione in particolare il consigliere comunale Pierluigi Saiu che chiede le immediate dimissioni del sindaco Andrea Soddu.

«Da ieri è senza giunta. Solo. Incollato alla poltrona. Le deleghe che Soddu adesso detiene ammontano a più di 30. Può una città come Nuoro essere governata da una persona sola? Può essere tollerato che i provvedimenti da votare (come gli equilibri di bilancio) vengano ritirati perché non ci sono i numeri per approvarli? Possiamo restare indifferenti di fronte al fatto che la giunta venga eliminata e che rimanga solo il sindaco? Qui non c’è più soltanto un problema politico. C’è un problema di democrazia.  E la democrazia, le regole, le leggi non possono essere calpestate solo perché il sindaco di Nuoro non vuole mollare la poltrona. Solo perché non vuole riconoscere che non ha più i numeri per governare. La fascia che indossa non è roba sua. È nostra. È di questa città e deve restituirla».

«In democrazia chi non ha il consenso della maggioranza se ne va. Soddu non ha più il consenso della maggioranza dei cittadini e nemmeno quella del consiglio. Non può calpestare la democrazia solo perché gli piace la carica che ricopre. È gravissimo che non ci sia più una giunta. Che il consiglio comunale, grazie anche alla complicità del presidente, venga umiliato in questo modo. E se non stessimo parlando di Soddu, che in questi tre anni di governo si è sostanzialmente dimostrato incapace su tutto, ci sarebbe davvero da preoccuparsi. Dovremmo farlo noi, dovrebbero farlo le altre istituzioni».

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento