venerdì 22 giugno 2018, Aggiornato alle 16:24
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Il coro femminile Bendas: “orgogliosamente animeremo la messa solenne del Redentore”

Il coro femminile Bendas: “orgogliosamente animeremo la messa solenne del Redentore”

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Il coro femminile Bendas
Il coro femminile Bendas

Donne, determinate, che festeggeranno i due anni dell’attività animando la messa solenne del 29 agosto, giorno della festa del Cristo Redentore, al parco del Monte Ortobene.

Il coro “Bendas”, diretto da Giampaolo Caldino, è orgoglioso di questo traguardo che va oltre ogni polemica scatenatasi in questi giorni in seguito al categorico rifiuto della loro partecipazione da parte del coro storico maschile “Sos Canarjos”, il cui presidente è Graziano Secchi, alla messa religiosa più sentita da parte dei nuoresi.

«In questo periodo abbiamo svolto un’intensa attività di ricerca storica, anche con la raccolta della testimonianza di persone anziane della nostra città, dalle quali si è attinto per la valorizzazione del canto tradizionale al femminile. avendo già un notevole repertorio di canti, la prosecuzione dell’attività con grande armonia». Difende così il lavoro delle proprie “allieve” Giampaolo Caldino che prosegue: «tutto questo ha consentito di essere inseriti nel gruppo delle associazioni e poi, anche con un briciolo di fortuna, di essere sorteggiati per l’animazione liturgica della messa solenne del Redentore e, senza bisogno di scomodare Gramsci e le sue Osservazioni sul folclore, occorre dire che il coro “Bendas”, grazie alle misurate innovazioni, valorizza gli elementi vivi dell’improvvisazione popolare; coniuga, in tempi moderni e nel rispetto dei canoni dell’autentica appartenenza e identità, quello che è stato il costante contributo delle donne a favore della migliore cultura popolare della Sardegna».

«Con serietà e impegno si perfeziona il repertorio che accompagna la funzione religiosa tradizionale, si confezionano i costumi tradizionali che si indosseranno con sobrietà e solennità. Con questo spirito, concludono il Direttore e tutte le coriste, proseguiamo nella preparazione certosina verso il grande appuntamento del 29 agosto, giornata clou dei festeggiamenti religiosi. Sarà certamente una nota storica, così come fu 50 anni fa, quando il primo coro maschile animò la solenne funzione».

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento