venerdì 22 giugno 2018, Aggiornato alle 16:24
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Lanusei. La Cardiologia pediatrica non chiude per ferie

Lanusei. La Cardiologia pediatrica non chiude per ferie

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Il nosocomio di Lanusei (foto tratta dalla pagina Facebook di #Giùlemanidall'Ogliastra
Il nosocomio di Lanusei

Una buona notizia per i piccoli pazienti del Centro Sardegna. L’attività della Cardiologia pediatrica –  ripresa con successo il 10 aprile scorso nell’ambulatorio ospedaliero di Cardiologia e UTIC (Unità di Terapia Intensiva Cardiologica) dell’Ospedale Nostra Signora della Mercede, diretta dal Dottor Carlo Balloi, che si avvale della professionalità dell’equipe dell’Unità Operativa di Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera Brotzu di Cagliari, diretta dal Dottor Roberto Tumbarello – non andrà in ferie.
«Abbiamo il calendario delle prenotazioni valido fino a dicembre – conferma con soddisfazione Carlo Balloi – e, novità di quest’anno, l’attività non subirà interruzioni neanche nel mese di agosto». I bambini ogliastrini e nuoresi con patologie cardiache, evitando impegnative trasferte nel capoluogo isolano, potranno prenotare la loro visita a Lanusei tramite CUP (Centro Unificato di Prenotazione). Ma le buone notizie per la Cardiologia del Nostra Signora della Mercede non finiscono qui. «Nel frattempo – spiega ancora il Responsabile dell’Unità Operativa – sono proseguite, mai interrotte, le attività di cardiostimolazione eseguite dai medici che operano nel reparto. Inoltre siamo in procinto di riaprire l’Emodinamica: manca solo il completamento degli ultimi dettagli per il passaggio amministrativo e autorizzativo dal Policlinico universitario di Cagliari alla rete dell’Emodinamica dell’Azienda per la Tutela della Salute della Sardegna». Grande soddisfazione anche da parte del Direttore d’Area, Dottor Andrea Marras. «Questi risultati – commenta Marras – sono la prova tangibile della qualità assistenziale che viene fornita dalla sanità ogliastrina e sono dovuti all’impegno di tutto il personale della Cardiologia, dal personale Infermieristico a quello Medico».

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento