martedì 18 dicembre 2018, Aggiornato alle 18:56
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Elisoccorso: a Cala Gonone le prove attitudinali per il personale selezionato

Elisoccorso: a Cala Gonone le prove attitudinali per il personale selezionato

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Gli operatori a Cala Gonone

Coinvolti circa 200 tra medici e infermieri

Sono partite le prove attitudinali per gli operatori sanitari che accederanno al percorso di formazione dedicato al servizio di elisoccorso regionale. A Cala Gonone si stanno cimentando 81 medici e 115 infermieri. Resistenza fisica, predisposizione allo sforzo su terreno impervio, autocontrollo e attenzione generale sono le prove da superare per entrare a far parte del team che salirà sugli elicotteri.

“La verifica attitudinale – spiega Giorgio Lenzotti, direttore generale dell’Agenzia regionale per l’emergenza-urgenza – porterà all’individuazione di un totale di 80 operatori (40 medici e 40 infermieri professionali) che opereranno nelle tre elibasi di Olbia, Cagliari e Alghero.

Le prove sono iniziate tre giorni fa e a oggi sono stati valutati 82 operatori (51 infermieri professionali e 31 medici). Tredici gli operatori che sono stati convocati, ma non si sono presentati all’appuntamento.

Gli operatori a Cala Gonone

Gli operatori a Cala Gonone

«Meno del 16% del totale – evidenzia Lenzotti – a dimostrazione del grande interesse che l’iniziativa ha suscitato e della grande motivazione alla base della disponibilità degli operatori, che si sono sottoposti, volontariamente, ad una prova particolarmente difficile ed impegnativa».

Secondo il cronoprogramma stilato da AREUS, il servizio regionale di elisoccorso partirà il prossimo primo luglio. (APPROFONDISCI). Nel frattempo, prosegue la battaglia giudiziaria legata al bando di assegnazione. La scorsa settimana, il Consiglio di Stato ha stabilito di non sospendere gli effetti della sentenza del TAR Sardegna, che sul bando di gara aveva dato ragione all’Azienda regionale per la tutela della salute. I giudici amministrativi hanno deciso che si andrà direttamente nel merito. L’udienza sarà fissata forse a maggio. Periodo in cui anche il TAR si sarà pronunciato su un secondo ricorso presentato da una società esclusa e legato all’aggiudicazione dell’appalto.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento