giovedì 13 dicembre 2018, Aggiornato alle 22:16
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Rapinarono l’ufficio postale di Vaccileddi: tre arresti e due denunce tra Lula e Padru

Rapinarono l’ufficio postale di Vaccileddi: tre arresti e due denunce tra Lula e Padru

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Controlli dei Carabinieri nelle strade

Sono Franco Paolo Chessa, 36 anni, di Lula, attualmente in carcere perché arrestato in flagranza di reato dai carabinieri di Nuoro durante la rapina all’ufficio postale di Onifai del 2 febbraio scorso, Carlo Gusinu, 34 anni, di Padru, pregiudicato, e Pier Franco Muscau, 29 anni, anche lui di Lula, incensurato, i presunti autori della rapina messa a segno nell’ufficio postale di Vaccileddi, frazione di Loiri Porto San Paolo, lo scorso 4 dicembre.

Al termine delle indagini condotte dai Carabinieri del reparto territoriale di Olbia, che oggi hanno eseguito le ordinanze emesse dal Tribunale di Tempio insieme ai militari dello squadrone cacciatori di Sardegna e del comando provinciale di Nuoro, sono finiti nei guai anche altri due uomini di Lula, C.S., pregiudicato di 55 anni, e P.R., incensurato di 23 anni, accusati di aver fatto parte dell’organizzazione.

Le perquisizioni odierne confermerebbero le ipotesi investigative: sono stati ritrovati i cellulari utilizzati per i sopralluoghi e per la rapina, uno scanner per la ricerca di microspie e cartucce di diverso tipo e calibro.

Questi ultimi due arrestati sono stati trasferiti nelle carceri di Nuoro e Sassari. Lo scorso dicembre tre persone, pistole e fucile in pugno, coi volti coperti da passamontagna, poco dopo l’apertura degli sportelli fecero irruzione nell’ufficio, fecero sdraiare per terra i due clienti presenti e pretesero dal direttore e da un impiegato la consegna del denaro disponibile. Il sistema di apertura temporizzata della cassaforte fece durare il blitz più del previsto, quasi quaranta minuti, e i tre malviventi scapparono con un bottino di 40 mila euro a bordo di una Mazda 2 grigia, rubata in ottobre a Sassari. Come “apripista” era stata utilizzata un’altra vettura, che avrebbe dovuto scongiurare al commando armato eventuali posti di blocco.

Rapina all’ufficio postale di Loiri Porto San Paolo: 35mila euro il bottino

 

 

Lascia un commento