venerdì 25 maggio 2018, Aggiornato alle 21:12
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Il presidente del CAL Andrea Soddu esprime solidarietà al sindaco di Villacidro

Il presidente del CAL Andrea Soddu esprime solidarietà al sindaco di Villacidro

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Il sindaco di Nuoro Andrea Soddu (foto S.Novellu)
Il sindaco di Nuoro Andrea Soddu (foto S.Novellu)

 

Il Presidente Andrea Soddu esprime a nome di tutto il Consiglio delle Autonomie Locali, piena solidarietà nei confronti della sindaca di Villacidro Marta Cabriolu, vittima in nottata di un attentato incendiario ai danni della sua autovettura. Non si tratta della prima intimidazione nel confronti del primo cittadino del centro del Medio Campidano, un vile gesto che rimette al centro dell’agenda politica l’annosa questione degli attentati agli amministratori locali.

«A nome del Consiglio delle Autonomie Locali esprimo massima solidarietà alla collega Marta Cabriolu, sindaco di Villacidro e membro del CAL, per l’attentato subito in nottata. Al tempo stesso plaudo al coraggio e alla determinazione della nostra collega, la cui ferma intenzione è quella di non arrendersi davanti a chi agisce nell’ombra con l’obiettivo di destabilizzare la vita democratica delle nostre comunità.

L’attentato alla nostra collega riporta prepotentemente sul tavolo la questione degli attentati agli amministratori, una piaga dai numeri preoccupanti che è stata oggetto di confronto nell’incontro con il ministro degli interni Marco Minniti che si è tenuto a Nuoro meno di un mese fa».

«In quella occasione abbiamo esposto al titolare del dicastero del Viminale le nostre preoccupazioni sottolineando come a nostro parere esista una forte connessione tra gli attentati e il ruolo marginale degli enti locali nella vita istituzionale del paese- evidenzia il presidente.  Davanti a questi gesti ci sentiamo impotenti e siamo ancora in attesa che le varie ricette proposte da regione e governi di turno si trasformino in atti concreti, ci chiediamo quanti episodi come questo, o anche più gravi, debbano accadere prima di ripristinare la sicurezza e la legalità nei nostri paesi. Il problema è grave e lo vediamo ad ogni tornata elettorale, quando assistiamo ad una vera e propria ecatombe delle candidature perché nessuno ha più voglia di stare in trincea tra poche risorse e il rischio di essere bersaglio facile di quel malessere che si muove all’ombra dell’anonimato. I tavoli sono stati fatti, le buone soluzioni sono state enunciate, è ora di metterle in pratica».

Sull’episodio intimidatorio che ha coinvolto il sindaco di Villacidro è intervenuto anche il presidente del Consiglio regionale, Gianfranco Ganau: «va definita al più al più presto la proposta avanzata di definire dei piani territoriali per la sicurezza, così come anticipato dal ministro Minniti qualche settimana fa durante l’incontro a Nuoro. I piani vanno concordati con i territori, che troveranno le soluzioni migliori per rispondere in maniera efficace alla recrudescenza del fenomeno degli attentati contro gli amministratori pubblici, ma più in generale per governare con maggiore sicurezza tutto il sistema sociale dell’isola».

Ganau, inoltre, esprime a Cabriolu la sua solidarietà e quella dell’Assemblea sarda: «condanniamo con fermezza quanto accaduto, ribadendo ancora una volta la necessità di definire al più presto un intervento organico per garantire la sicurezza nei territori».

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento