lunedì 22 ottobre 2018, Aggiornato alle 22:09
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Circonvallazione di Sindia: “la situazione non garantisce l’incolumità alle persone e alle cose”

Circonvallazione di Sindia: “la situazione non garantisce l’incolumità alle persone e alle cose”

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
La circonvallazione di Sindia (foto P.G.Vacca)
La circonvallazione di Sindia (foto P.G.Vacca)

Uno scandalo costato caro alle tasche dei cittadini

Limite di velocità a 30 chilometri orari sulla circonvallazione di Sindia. La strada provinciale versa in condizioni critiche ormai da tempo, ma le piogge degli ultimi giorni la rendono quasi impraticabile.

La situazione è gravissima, tanto che la Provincia di Nuoro ha emesso un’ordinanza di declassamento che obbliga gli automobilisti a transitare quasi a passo d’uomo.

La circonvallazione di Sindia (foto P.G.Vacca)

La circonvallazione di Sindia (foto P.G.Vacca)

«La strada in questione – si legge nel documento firmato dal dirigente Giuseppe Zucca – per quanto riguarda la sicurezza degli utenti si presenta in una situazione tale da non poter più garantire l’incolumità alle persone e alle cose».

Tutto ciò, prosegue l’ordinanza, «nonostante i continui e ripetuti interventi manutentivi mirati al risanamento dei cedimenti».

Negli anni innumerevoli sono stati i lavori di manutenzione, per cercare, senza successo, di mettere una pezza a evidenti problemi strutturali, presenti sin dal giorno dell’inaugurazione.

Non si contano neppure le chiusure totali collezionate nel tempo dall’arteria, la prima poco tempo dopo l’apertura. Un vero scandalo che sembra non avere responsabili. Un disastro costato caro alle casse pubbliche e alle tasche dei cittadini.

E pensare che sono tantissimi i pendolari che ogni giorno percorrono la strada disseminata di crateri, dossi e cedimenti. Per non parlare dell’importante flusso turistico che vi transita nel periodo estivo, con l’obiettivo di raggiungere le spiagge di Tresnuraghes, Magomadas e Bosa.

Sulla questione è intervenuto ieri il sindaco di Macomer e presidente dell’Unione dei Comuni del Marghine, Antonio Succu. In ballo ci sono altri soldi da investire per mettere in sicurezza la circonvallazione. Si tratta di un finanziamento di 2 milioni e 705 mila euro, che sarebbe già in possesso della Provincia di Nuoro.

«La Provincia ha ricevuto un nuovo finanziamento – evidenzia Succu –  nel novembre del 2015. L’aggiudicazione dell’appalto per i lavori, previsto per la fine dello scorso anno (2017 ndr), a oggi non è stato ancora bandito. Se non arriveranno risposte immediate sull’avvio delle procedure mi farò promotore di un incontro che metta insieme i sindaci del Marghine e della Planargia unitamente ai Consiglieri regionali del territorio».

Altri soldi che si spera portino a una soluzione definitiva. L’ultimo intervento tampone sulla circonvallazione di Sindia è costato 300 mila euro. In quell’occasione la strada è rimasta chiusa per oltre due anni, da febbraio 2014 a giugno 2016.

In attesa dei nuovi lavori di messa in sicurezza, un consiglio agli automobilisti: la strada è pericolosa, evitate la circonvallazione e passate dentro il centro abitato di Sindia. 

Sabrina Fara

© Tutti i diritti riservati

 

 

 

Lascia un commento