giovedì 16 agosto 2018, Aggiornato alle 22:17
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Allarme trichinellosi sui maiali allo stato brado, positivi a Orgosolo 3 campioni su 4

Allarme trichinellosi sui maiali allo stato brado, positivi a Orgosolo 3 campioni su 4

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.

Tre dei quattro campioni prelevati dai suini al pascolo brado abbattuti cinque giorni fa a Orgosolo, due in località Iserrai e uno a Biriddi, sono risultati positivi ai controlli sulla trichinella.

Le analisi sono state effettuate nei laboratori dell’istituto zooprofilattico sperimentale. Venerdì scorso, 2 febbraio, i capi abbattuti a Orgosolo dall’Unitá di progetto, in collaborazione con la Prefettura e la Questura di Nuoro, erano stati 81.

Allarme alimentare anche per l’uomo e appello lanciato della Regione per fermare l’allevamento brado: «stop al pascolo brado, ha detto l’assessore regionale della Sanità Luigi Arru facendo il punto sulla situazione. È dovere di tutti proteggere la salute e dare un’opzione per la crescita della nostra economia. Dobbiamo fare sistema: serve la collaborazione di tutti».

Incidenza della patologia?: “difficile dirlo – ha spiegato Arru – perché spesso i sintomi non vengono ricondotti alla trichinellosi».

Nelle settimane scorse, anche per la lotta alla peste suina, sono stati abbattuti maiali non solo a Orgosolo, ma anche ad Arzana, Baunei, Desulo, Talana, Urzulei e Villagrande. Ma i riscontri “positivi” sulla trichinellosi sono stati rilevati solo ad Orgosolo.

«Ci dicono che stiamo abbattendo capi sani – ha precisato Arru – e non è vero. Spesso gli animali sembrano sani, ma sono infetti e fonte di contagio. Non vogliamo creare terrore, ma stiamo facendo una azione per tutelare la salute».

Sempre a Orgosolo, a Fundales, lo scorso 14 gennaio, erano stati catturati dei cinghiali sui quali era stato ritrovato il parassita della trichinella. Da quando è iniziata la campagna, lo scorso 8 dicembre, sono stati abbattuti 1.280 capi. Gli animali appartenevano tutti alla zona della Barbagia-Ogliastra, in un contesto di circa 5.000-6.000 maiali allo stato brado.

Riguardo la Peste suina africana, dalle ultime analisi sui campioni prelevati dai suini abbattuti lo scorso 2 febbraio, entrambe le campionature sono risultate sieropositive: 23 su 23 campioni sulla prima (100%) e 6 su 13 (46%) sulla seconda.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento