giovedì 18 ottobre 2018, Aggiornato alle 10:21
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Lutto nella fotografia: è morto a 83 anni il reporter Romano Cagnoni

Lutto nella fotografia: è morto a 83 anni il reporter Romano Cagnoni

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Romano Cagnoni nel suo studio di Pietrasanta (foto Patti Romano, 2015)
Romano Cagnoni nel suo studio di Pietrasanta (foto Patti Romano, 2015)

 

Uno dei maggiori reporter italiani, Romano Cagnoni, è morto oggi all’età di 83 anni.

Nato a Pietrasanta nel 1935, Cagnoni è considerato, anche a livello internazionale, uno dei fotografi più importanti del Ventesimo secolo, come testimoniano dal fatto le sue fotografie, soprattutto di guerra, sono apparse sulle copertine e prime pagine di quasi tutti i più giornali e riviste d’Europa e degli Stati Uniti, dal Sunday Times a Life Magazine, da Paris Match a Stern, alle italiane Epoca e l’Espresso.

Cagnoni si forma nel Dopoguerra nel laboratorio del fotografo del proprio paese; nel 1958 si trasferisce a Londra dove conosce Simon Guttman e Stefan Lorant, considerati i padri del fotogiornalismo moderno, e con loro muove i primi passi nel reportage. Allo scoppio del conflitto, parte per il Vietnam; i suoi scatti, tra cui un ritratto del presidente Ho Chi Minh saranno pubblicati sul noto magazine Life.

Fotograferà poi vari conflitti: Biafra;  la guerra civile in Nigeria (anche in questo caso le foto sono pubblicate da Life, facendogli vincere in America il premio “Overseas Press Award”); il Cile di Allende, il ritorno di Peron in Argentina, la guerra del Yom Kippur in Israele, la guerra in Cambogia, la guerra in Jugoslavia e, nel 1995, a Grozny in Cecenia, dove mette in piedi uno studio nella zona di combattimento per fotografare i guerriglieri ribelli.

Dopo trent’anni di lavoro a Londra ritorna nella sua città natale, Pietrasanta.

Nel corso della carriera, pluripremiato, Cagnoni ha realizzato più di 45 mostre personali (nel 2015, il Palazzo della Frumentaria di Sassari prima e il Lazzareto di Cagliari poi, hanno ospitato l’evento espositivo “Fotografia totale”); ha pubblicato 16 libri ed è annoverato, insieme a Henri Cartier Bresson, Bill Brandt; Don McCullin e Eugene Smith nel volume Pictures on the Pages.

S.Novellu © Tutti i diritti riservati

Lascia un commento