Home > CRONACA REGIONALE > Rete ospedaliera: “Lanusei” rischia di spaccare la maggioranza: discussione rinviata a fine riforma

Rete ospedaliera: “Lanusei” rischia di spaccare la maggioranza: discussione rinviata a fine riforma

Consiglio regionale
La discussione in Consiglio regionale sulla rete ospedaliera

 

In questi giorni il Consiglio regionale è impegnato nell’approvazione della riforma sulla rete ospedaliera. Ieri, è stato deciso di rinviare la votazione dell’emendamento di Franco Sabatini (Pd), che prevede il riconoscimento di dea di primo livello per l’ospedale di Lanusei,  nella fase finale della discussione.

Un escamotage usato dalla maggioranza, per evitare eventuali spaccature e di non andare sotto al momento della votazione.

«Chiedo che questo emendamento venga spostato a poco prima del voto finale della riforma, perché si abbia il tempo di un’ulteriore riflessione e approfondimento su quanto richiesto. Che, ricordo, è a ‘costo zero’ e non comporta nessuna spesa aggiuntiva», ha detto Sabatini in Aula.

«Sosteniamo questa richiesta, ma la necessità di approfondimento riguarda anche altri emendamenti che riguardano le situazioni dei territori», ha aggiunto il capogruppo di Fi, Pietro Pittalis. E infatti il Consiglio ha deciso di rinviare a domattina alle 10 anche il voto su un emendamento presentato da Francesco Agus e Anna Maria Busia del Campo Progressista. Si tratta di una proposta soppressiva parziale che riguarda la parte del capitolo sesto sulla “riorganizzazione dell’offerta ospedaliera nelle aree urbane”. Agus e Busia chiedono che nel testo non compaia l’ipotesi dell'”avvio nell’area urbana di Cagliari un processo di osservazione sulla fattibilità delle aziende ospedaliere Brotzu e Policlinico Universitario”.

Passa, invece, un emendamento presentato da Augusto Cherchi (Partito dei sardi) e da Pier Franco Zanchetta (Upc) per cui “negli ospedali di zona disagiata sono assicurati tre posti letto aggiuntivi in pediatria ed è confermato il servizio di camera iperbarica”. La camera iperbarica, dunque, resterà aperta al Paolo Merlo de La Maddalena. La seduta è convocata per domattina alle 10.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

*