Home > CULTURA E SPETTACOLO > A Barumini in vetrina le bellezze della Sardegna

A Barumini in vetrina le bellezze della Sardegna

McDonads Double Chicken
Uno scorcio del Centro studi Lilliu
Uno scorcio del Centro studi Lilliu

Due giornate con Expo Turismo Culturale a un passo da Su Nuraxi

Due giornate a Barumini per raccontare la bellezza della Sardegna fra cultura, archeologia, arte, artigianato, enogastronomia.

 

La terza edizione dell’Expo del Turismo Culturale in Sardegna animerà il 17 e 18 dicembre il centro ‘Giovanni Lilliu’, a pochi passi dall’area archeologica Su Nuraxi, patrimonio materiale dell’umanità Unesco. In programma workshop, esposizioni, musica, tour guidati e tematici in particolare a Su Nuraxi e al polo museale Casa Zapata. Ancora, degustazioni, show cooking, laboratori, rievocazioni storiche, seminari e dibattiti fra cui un incontro dedicato alla formazione in ambito turistico e culturale con l’offerta delle Università sarde.

Il 17 alle 18:30 si esibiscono i Tazenda. Spazio anche alle attività social: il 18 alle 10 instagramers si incontrano nell’area archeologica Su Nuraxi per scattare foto e registrare video.

La due giorni è organizzata da Fondazione Barumini Sistema Cultura in collaborazione con il Comune. Occasione per una ventina di Comuni per promuovere musei e siti: oltre a Barumini ci saranno Abbasanta, Alghero, Cagliari, Gesturi, Guspini, Isili, Las Plassas, Pau, Paulilatino, Porto Torres, Pula, Sant’Antioco, Serri, Seui, Thiesi, Torralba, Tuili, Villanovafranca e altri centri della Marmilla, compreso il Polo museale della Sardegna che rappresenta 14 siti e musei isolani.

Spazio anche alle innovazioni, come il progetto ‘Veranu’, la mattonella che genera energia. A preparare e offrire al pubblico prelibatezze tipiche saranno gli studenti dell’Istituto alberghiero ‘Azuni’ di Cagliari e Pula.

Saranno attivi durante la manifestazione un servizio bus-navetta, info point, trasporto su carrozza per collegamenti fra aree museali e archeologiche e bici per brevi trasferimenti.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento


*